Da Homeland al film Aladdin: intervista all'attore Navid Negahban

Tv / Intervista - 04 June 2018 10:00

Navid Negahban recita come protagonista nella serie tv Legion.

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Navid Negahban è un attore di origine iraniane che ha lavorato a serie televisive come Homeland, nel ruolo del terrorista Abu Nazir e in Legion, il quello del vilain Re delle Ombre. Nel 2019 sarà nel film Disney Aladdin.

Ha recitato per Clint Eastwood in American Sniper (2014)  interpretando lo sceicco Al-Obodi, e in American Assassin con Michael Keaton. Mauxa l’ha intervistato.


Navid Negahban

D. Nella serie Homeland hai interpretato il terrorista "Abu Nazir". Come ti sei preparato per un ruolo così ambiguo?

Navid Negahban. Non giudico il personaggio. Non è né negativo né positivo, è solo un uomo. Quindi per me Abu Nazir era solo una persona con un colorato raggio di emozioni. Prima avevo letto di alcuni personaggi simili su internet e poi invece Abu è nato quando ha affrontato Nicholas (Brody, il protagonista della serie, n.d.r.). È stato improvvisato, è cresciuto mentre stavamo girando il pilot. Fino ad allora non sapevo come lo avrei dipinto.

D. La serie affronta tematiche forti, che mescolano politica e sentimenti. Ci sono degli episodi della serie che ti hanno più coinvolto?

Navid Negahban. La sceneggiatura era molto dettagliata e mi piaceva ogni secondo. Ci sono alcuni momenti che spiccano davvero per me. Quando Abu e Nicholas stanno lavando il cadavere di suo figlio - non ricordo il numero dell'episodio. Oppure nell’episodio 210, con la sua conversazione con Carrie (Claire Danes, n.d.r.). Il 211 specialmente, nel modo in cui muore. È stato divertente lavorare con Claire e Damian Lewis. Entrambi sono molto gentili e professionali.

D. Nel film in uscita nel 2019, Aladdin interpreti il ​​'Sultano', che vuole concedere sua figlia in matrimonio e poi si ritrova in un mondo di magia. Com'è stata la tua esperienza di lavoro con il regista Guy Ritchie? 

Navid Negahban. È stato divertente lavorare con Guy. Sapeva esattamente quello che stava cercando: per lui era importante il rispetto della cultura e lo sfondo dei personaggi, della storia. Allo stesso tempo è stato molto aperto e generoso nel dare agli attori la libertà di esplorare il personaggio. Quello che mi piace di questa vicenda raccontata è la profondità del viaggio. Sono stato in grado di trovare il padre nel sultano. Davvero è stato divertente essere lì.


D. Nella serie Legion hai il ruolo di "Amahl Farouk", il Re delle Ombre. Sei un fan dei film realizzati dai fumetti?

Navid Negahban. Mi piacciono perché tutto è possibile, senza limiti.

D. Percepiamo spesso l'Iran come una nazione molto lontana da noi, per come i media lo ritraggono. Essendo tu iraniano, quale pensi sia la cosa migliore e peggiore di questa nazione?

Navid Negahban. La prima cosa che posso dire è che non bisogna mai fidarsi dei media. Questa è solo un'opinione di qualcuno. Sono stato in viaggio da quando avevo 20 anni. Ho lavorato in molti paesi e ciò che ho imparato è che per me nulla e nessun luogo è mai stato esattamente come mi erano stati descritti. Non ho mai giudicato un posto che ho visitato dalla politica di quel paese. 12 anni fa fu l’ultima volta che andai in Iran, quindi è molto difficile per me descriverlo. In Iran come ogni altro paese abbiamo il bene e il male. Quello che so e il ricordo che ho è che l'Iran è un paese speciale, la gente è dolce e accogliente. Se sei in piedi all'angolo della strada e sembri perso, ogni passante ti chiederà se stai bene. Posso aiutarti? Penso che il modo migliore per conoscere l'Iran e il popolo iraniano per qualcuno che non è mai stato lì è di andarci,  o andare su internet e utilizzare i vari social media e conoscere l'Iran attraverso i loro occhi. Attraverso lo sguardo del popolo iraniano che vive lì.

D. Dicci qualcosa che ti piacerebbe fare in Italia.

Navid Negahban. Sono già stato a Roma nel 2016 a girare American Assassin. Siamo stati benissimo. Ho trovato molte somiglianze tra la cultura italiana e quella iraniana e mi ha fatto sentire come se fossi a casa. Mi piacerebbe noleggiare un'auto in Italia, e passare un mese lì guidando e conoscendo il paese.

D.  Oltre ad Aladdin, quali sono i prossimi progetti?

Navid Negahban. Sto girando altri due film quest'anno, uno di questi è London Arabia, che verrà girato a Londra. L’altro è Cash for Gold, ispirato a un cortometraggio che ho realizzato qualche anno fa con lo stesso titolo in America. È possibile guardare il corto su internet http://cashforgoldthefilm.com.

© Riproduzione riservata



Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon