Da Brooklyn al salotto di Amici: è febbre “Harlem Shake”!

Tv / News - 20 March 2013 12:15

La canzone del ventitreenne Bauer impazza anche nel programma di Maria De Filippi

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

È il nuovo tormentone il pezzo "Harlem Shake", il fenomeno musicale del momento su cui si sono scatenati i ragazzi della trasmissione "Amici di Maria De Filippi" per festeggiare l'approdo alla finalissima. Le due squadre in gara, la bianca e la blu, si sono ugualmente lanciate in un'esplosione di gioia a suon di musica ed hanno registrato un divertente video in cui si dimenano travolgenti a dispetto del severo rigore che di solito regna fra i banchi della scuola artistica più in voga fra gli adolescenti. Impossibile non sorridere nel guardare i giovani protagonisti mentre danno sfogo a tutta la loro vivacità!

\r\n

In origine l' Harlem Shake è uno stile hip-hop venuto alla ribalta nei video musicali di genere di una ventina di anni fa. Nel 2003 il cantautore americano Albert Joseph Brown III, noto col nome "Al B. Sure!", ne ha reclamato la paternità e l'anno scorso il DJ e produttore ventitreenne Harry Bauer Rodrigues ha ripreso simile tipologia nel suo appartamento di Brooklyn, creando il nuovo brano "Harlem Shake" che, caricato online, sta avendo un successo planetario. Bauer ha tratto il titolo ed il verso "Do the Harlem Shake" da "Miller Time", una canzone del 2001 di un gruppo rap di Philadelphia, i Plastic Little. Sul finire il loro pezzo dice: "And if you bring a 40 bottle to battle me, I'll just punch you in the face. Then do the Harlem Shake".

\r\n

A poche settimane dal rilascio su web del brano di Bauer, è apparsa sul canale YouTube di Sunny Coast Skate una coreografia tale da provocare un putiferio per le imitazioni amatoriali che continuano a seguirne: la gente adora filmarsi mentre balla indiavolata sul ritmo di "Harlem Shake" e posta in rete le proprie performance. Voglia di esibirsi. Voglia di esserci in trenta secondi di vorticoso ritornello. Voglia di sbattersi quasi ci si trovasse davvero per le strade di Harlem.

© Riproduzione riservata





Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Advertisement " >