Toxic Game: intervista alla scrittrice Christine Feehan

Daily / Intervista - 08 April 2019 07:30

I libri di Christine Feehan sono stati alla prima posizione dei Best Sellers - The New York Times

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Christine Feehan ha pubblicato più di quaranta romanzi. Quelli più noti sono della serie Il principe vampiro. Toxic Game è il più recente. 

La storia di Toxic Game è ambientata in Indonesia. Perché hai scelto questa location?

Ho già utilizzato questa ambientazione in passato ed era perfetta per questa storia. Ci sono davvero cellule terroristiche in Indonesia.  E il luogo permette un tale isolamento, di cui avevo bisogno per questa storia.


Libri di Christine Feehan

La trama riguarda un virus che minaccia di consumare il corpo umano. Ti piace raccontare storie che esplorano la forza fisica e mentale: perché?

Penso che tutti affrontiamo delle sfide nella nostra vita e speriamo di essere abbastanza forti da poterle affrontare. Per me, è il massimo della narrazione avere eroi ed eroine che devono superare le probabilità di sopravvivere o trovare la loro felicità successiva.  Cercano la loro forza interiore sia fisicamente che mentalmente per combattere tutto ciò che li tiene lontani dal loro obiettivo.  

Cosa c'è di nuovo nel tuo romanzo di Toxic Game rispetto ad altri romanzi della serie GhostWalker?

Mi sforzo sempre di rendere ogni libro unico. Come la maggior parte dei romanzi di GhostWalker, questo libro è oggetto di ricerche approfondite. In realtà ho avuto un team di scienziati che mi ha aiutato nella ricerca, dato che la storia riguarda un virus emorragico e le complicazioni che ci si potrebbe aspettare da qualcosa di così orrendo. Volevo anche mostrare come le persone combattono un'epidemia mortale, sia in laboratorio che sul campo. Non ho mai scritto nulla di simile prima d'ora ed è stato impegnativo e divertente scrivere.



Che rapporto hai con la tecnologia? 

Un cattivo rapporto. Un rapporto davvero brutto! Non ho una vera conoscenza tecnologica. Sono fortunata di poter lavorare con il mio smartphone e credetemi, cerco di non toccarlo più del necessario. Sono anche famosa per distruggere il mio computer portatile una volta o due.... o tre. Questo include quella volta in cui si fuse ruppe  il disco rigido e ho perso una buona parte di un libro che stavo scrivendo. E quando dico "fuso" intendo che mi è scaldato e ha quasi preso fuoco! Sono abbastanza sicuro che la tecnologia mi odia. E la sensazione può essere reciproca.

Trovi ispirazione dalle innovazioni tecnologiche?

Assolutamente sì. Anche se non sono in grado di interagire con la tecnologia in maniera attiva, mi piace quando si tratta di ispirare la mia immaginazione. Leggo riviste scientifiche e faccio molta ricerca.  Voglio che i miei libri si basino il più possibile sulla scienza reale.

Qual è il tuo film preferito e perché?

Amo L'ultimo dei Mohicani. L'ho visto milioni di volte. La storia d'amore, l’attualità di entrambi i personaggi, sono incredibili. La fotografia è mozzafiato ed è l'attenzione al dettaglio che ispira. 

E' vero che i tuoi figli ti aiutano nell'editing dei manoscritti?

Voglio chiarire che i miei "figli" sono tutti adulti. Ho una figlia che è la mia assistente personale e lei fa diverse cose per me. È molto impegnata da quando scrivo cinque libri all'anno! Una delle cose che fa è una modifica iniziale di ciascuno dei libri prima di inviarli all'editore.

Qual è il tuo prossimo progetto?

Attualmente sto scrivendo Lethal Game, che è il libro di Malichai. Il prossimo sarà un libro di Shadow Riders.


© Riproduzione riservata



Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon