Marvel’s Runaways, intervista all’attore della serie tv Luis Castellanos

Comics / Intervista - 07 January 2019 10:00

Marvel’s Runaways è tratto dal fumetto del 2003

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Marvel’s Runaways è la serie televisiva in streaming negli Stati Uniti su Hulu, mentre in Italia va su Tim Vision e su Rai 4. Racconta di sei adolescenti di diversa estrazione che si uniscono contro un nemico comune, ovvero i loro genitori che fanno parte di un’organizzazione criminale chiamata Orgoglio. Nella seconda stagione i sei sono in fuga dai genitori, vivono da soli e scoprono che tra di loro ci può essere una talpa che contatta il leader di Orgoglio. 


Marvel's Runaways

La serie è tratta dall’omonimo fumetto della Marvel del 2003, creato da Brian K. Vaughan e Adrian Alphona. Abbiamo intervistato l’attore Luis Castellanos, che interpreta il villain Topher: unitosi ai  Runaways, poi li tradisce rivelando il suo vampirismo e il passato criminale.

Nella serie Runaways interpreti Topher. Puoi parlarci del tuo personaggio?

Topher è un individuo davvero unico, che ha attraversato molte difficoltà. È conosciuto come un vampiro nato nel tardo 1800, il che può significare solo che ha vissuto molto, poiché i vampiri sono immortali. C'è un po' di twist come abbiamo visto nei trailer e nella prima stagione. Abbiamo un assaggio di cosa sia Topher e di cosa sia capace. Non abbiamo approfondito la sua origine, ma sicuramente non è tutto ciò che sembra essere.

Topher è un individuo furbo e in fuga: trovi qualche somiglianza con il tuo carattere?

Ne trovo alcuni in realtà. È latino, parla spagnolo, e molto scaltro. Crescere nella Repubblica Dominicana ed essere svelti sono due condizioni  necessarie.

Nelle serie tv Marvel esiste un piano di lavorazione ferreo?

Sono stato semplicemente spazzato via. Essere parte di un film di produzione così grande ai Paramount Studios è stato un sogno diventato realtà. C'è sempre un piano abbastanza strutturato quando si effettuano le riprese di un prodotto simile. Soprattutto con la Marvel.


Si fa grande suo di effetti speciali digitali.

Ho imparato molto sugli effetti speciali. Sareste sorpresi di quanto impegno ci sia davvero, sembra quasi che non ci siano effetti speciali.

Qual è il tuo personaggio preferito dei fumetti? 

Mi piace Wolverine. È un personaggio molto motivato ma allo stesso tempo così potente. Sicuramente il mio preferito.

Hai lavorato come modello. Qual è l'aspetto più fastidioso e più interessante di questo mestiere?

Affermando l'ovvio, la parte fastidiosa del settore della moda è che si viene costantemente giudicati in base al proprio aspetto. Non è sempre il miglior metodo di autostima. 

Ultimamente parte del lavoro di modelli si è trasferito su Instagram.

Per quanto riguarda i giovani influencer, sono un grande fan di chiunque stia bene nel proprio settore, e i giovani forniscono un continuo valore nello spazio che si creano. Tuttavia, ci sono individui che si confrontano con questi modelli di ruolo e iniziano a sentirsi inferiori. Questo è il problema principale che vedo sta accadendo, ma per il resto penso sia fantastico!

È vero che sei amante della lettura? 

Amo i libri. La lettura ha davvero sviluppato la mia mentalità imparando dalle persone di successo e mettendo in pratica le conoscenze che ho acquisito. Lo sviluppo personale è il mio genere di scelta. L'ultimo libro che ho letto è "A New Earth" di Eckhart Tolle. È una versione più approfondita di "Power of Now" scritta dallo stesso autore. Mi ha davvero aiutato ad aumentare la mia consapevolezza.

Qual è il tuo prossimo progetto?

Non voglio svelare  troppo, ma posso darti un suggerimento: mi sono ritrovato a scrivere. Sono assolutamente entusiasta di notare  l’interesse verso Marvel's Runaways però. Molti sono curiosi di vedere se Topher tornerà nella stagione 3. Mi piacerebbe sapere anche a me.


© Riproduzione riservata



Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon