Intervista al regista del film The Unholy, Evan Spiliotopoulos: 'Esiste anche il bene assoluto'

Cinema / Intervista - 06 April 2021 08:00

The Unholy è nei cinema statunitensi

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Il film tratta anche il tema dei miracoli. Qual è il tuo rapporto con la religione?

Sono cresciuto greco-ortodosso e ho fatto il chierichetto. Trovo che i thriller soprannaturali, per quanto oscuri, siano in definitiva affermazioni di fede. Se si accetta che il male assoluto esista nella forma del diavolo o dei demoni, allora è ragionevole che debba esistere anche il bene assoluto: non si può avere l'uno senza l'altro. Le esplorazioni della fede nel contesto di un thriller soprannaturale sono una drammatizzazione, credo, delle lotte e delle domande personali di tutti e del nostro rapporto con un divino sperato. I classici del genere come Rosemary's Baby, L'esorcista e The Omen hanno al loro centro le lotte personali di fede e credenza, proprio come in The Unholy (continua a leggere).


3 di 3

© Riproduzione riservata



Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon