Bosch, intervista all’attore della serie tv Chris Browning

Tv / Intervista - 22 April 2019 07:30

Bosch è la serie tv giunta alla quarta stagione.

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Chris Browning è attore della serie televisiva Bosch, su Amazon Prime Video. In precedenza ha lavorato in molti film, come Bright (2017), Cowboys & Aliens (2011), Terminator Salvation (2009).

Nella serie Bosch interpreti Preston Borders. Che carattere ha?

Preston Borders era un musicista rock 'n' roll negli anni '90 che Harry Bosch ha messo in prigione per aver ucciso una giovane donna. Non era un bravo ragazzo,  bensì arrogante, con senso di superiorità, un vero stronzo. Vedremo alcuni tratti di Borders di allora - nel 1997, o quello che era - ma per la maggior parte della nuova stagione lo osserveremo oggi, essendo stato in prigione per 22 anni. Tuttora non è un ragazzo molto simpatico. Alcune prove nuove sono emerse e Borders sta cercando di ottenere un nuovo processo e di uscire dal carcere, e citare in giudizio la città per milioni di dollari.

Serie tv Bosch

È diverso lavorare su una serie Amazon rispetto alla televisione classica?

Solo finanziariamente! (Sto scherzando. Più o meno.) Non ci sono davvero delle differenze tra i siti di streaming  e i broadcast, per me è lo stesso. Ho lavorato alla stagione 5, e ormai il team è  diventato una macchina ben oleata. Tutti nello show sembra felice di essere sul set, amano quello che fanno. Mi piace lavorare. Su quasi tutto. Ma questo spettacolo è stato una vera gioia per me. Non vedevo l'ora di arrivare al set ogni giorno. 

Hai lavorato a Westworld, una serie molto particolare. Puoi dirci com'era far parte di questo spettacolo?

Fu un lavoro da sogno. La maggior parte degli attori maschi sono solo uomini-bambini e io non faccio eccezione. Ogni possibilità che ho di vestirmi come un cowboy e andare a cavallo è la mia definizione di giornata perfetta. Ma questo spettacolo è stato scritto anche dalle migliori menti del settore e lanciato con i migliori talenti del pianeta, quindi per me è stato molto più che speciale. Ho girato le mie scene con Jimmi Simpson e Ben Barnes, e loro sono fantastici. Anche io ero con Evan Rachel Wood, lei era una gioia da guardare. L'ho vista fare un primo piano dove non ha detto niente e non potevo toglierle gli occhi di dosso. Speriamo che tornerò a fare delle cose anche con Jeffrey Wright e Ed Harris. 

Se potessi scrivere un personaggio, come lo creeresti?

Ho scritto un pilota per me stesso dove interpreto Marlow, il leader di un gruppo di ragtag che sta cercando di indirizzare il loro percorso  attraverso l'America, nei due anni prima della guerra civile. Ha un problema di rabbia ed è incline alla violenza, ma vive di un codice che non permette compromessi. Lo spettacolo si chiama "Antebellum", quindi se mai andrà in onda, l'avrete sentito prima qui. Ho un altro pilota su un ex truffatore di successo che gestisce un centro di trattamento con soldi rubati dalla droga, chiamato "In The Life”. Sarebbe divertente da interpretare perché sta cercando di fare la cosa giusta nel modo molto sbagliato. Posso identificarmi in lui. 

All'inizio della tua carriera hai faticato per avere successo?

Certo. Era difficile in quel periodo. Aspettavo ed ero entusiasta di avere tre o quattro righe in qualche oscuro programma televisivo. Poi di nuovo in attesa, solo in un posto nuovo, perché sono stato licenziato per essere andato a fare lo show televisivo.  Per ottenere un agente ci è voluto del tempo perché non avevo crediti. La solita storia, credo. Ma ciò mi ha fatto apprezzare il momento in cui sono arrivato all’obbiettivo, senza dover più avere un "lavoro diurno". 

Hai lavorato anche in Agent Carter. Sei un fan dei fumetti?

Non lo sono, davvero. E ho recitato anche in Supergirl. Sono rimasto stupito dalle reazioni positive per essere stato presente in quegli show. Per me, erano solo lavori per i quali ho letto un copione ed ero stato assunto, ma quando ho visto tutto il ronzio su di loro, ho iniziato a indagare e mi sono reso conto di quanto fossero enormi gli universi DC e Marvel. È  stato bello essere in grado di entrare in quella dimensione, come Reactron, per esempio. C'è un'intera storia di fondo di cui potrei venire a conoscenza. Ciò mi fatto davvero prendere sul serio questi lavori. (Non che avessi programmato di entrarvi prima, ma sai cosa intendo dire).

Puoi raccontarci la tua giornata tipo?

Beh, ho tre figlie giovani, quindi è con loro che mi piace spendere la maggior parte delle mie energie. Sono una grande fan del baseball, e gioco in una league di baseball maschile 30+ qui a Los Angeles. Questi ragazzi sono davvero bravi giocatori, e la maggior parte hanno 20 anni meno di me, ma posso ancora reggere e colpire una buona palla di tanto in tanto. E vado molto in mountain bike. Vivo nel Topanga Canyon, quindi ci sono bellissimi sentieri ovunque. Mi piace molto stare all'aperto. Sono un ragazzo di campagna, e non sarei entusiasta di vivere a lungo in una città come New York. 

Qual è il prossimo viaggio che vorresti fare?

A. Nuova Zelanda. Non ci sono mai stato. Sono andato a Città del Capo, Sud Africa, due anni fa per un pilot televisivo, e mi è piaciuto moltissimo quel posto: ma ho sempre voluto andare in Nuova Zelanda, quindi spero che questo accada presto. È sempre bello andare da qualche parte per lavoro, perché si fanno tutti gli arrangiamenti, e io odio gli accordi. Quindi speriamo che sia la Nuova Zelanda per lavoro...

Qual è il tuo prossimo progetto? 

Speravo che lo sapessi tu! In realtà non lo so. Ci sono un paio di cose in lavorazione, un film con Gerard Butler chiamato Greenland in cui spero di lavorare. Poi il sequel Bright, con Will Smith, chi lo sa? Questa è la parte migliore e peggiore di questo business, non sapere...


© Riproduzione riservata



Focus
img-news.png

Bosch Serie Tv

Serie Tv Bosch con Titus WelliverLeggi tutto

Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon