9-1-1, intervista all’attrice della serie tv Rachel Breitag

Tv / Intervista - 23 March 2018 10:00

9-1-1 è la serie tv che sta ottenendo ottimi ascolti in Italia e negli Stati Uniti

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

9-1-1 è la serie tv che va in onda sui canali Fox. Accolta con entusiasmo per come riesce a mescolare melodramma, azione adrenalinica e leggera seduzione racconta la vita di un gruppo di poliziotti, paramedici, vigili del fuoco, addetti alle emergenze e soccorritori di Los Angeles che devono bilanciare il lavoro con la vita personale. La madre della centralinista Abby Clark (Connie Britton) ha una demenza e lei è in dubbio se portarla in una casa di cura, la poliziotta Athena Grant (Angela Bassett) decide di rivelare ai suoi figli di essere lesbica, Bobby (Peter Krause) ricade nell’alcolismo, Buck (Oliver Stark) ha una dipendenza sessuale e non vuol compromettere il rapporto con Abby. 

La serie - ideata da Ryan Murphy  - negli Stati Uniti ha una media di 6,5 milioni di telespettatori, tanto da essere stata rinnovata per una seconda stagione. Mauxa ha intervistato Rachel Breitag, interprete della seria.

D. Hai lavorato alla serie tv 9-1-1 nel ruolo di Tatiana. Puoi raccontarci il tuo personaggio?

Rachel Breitag. Mi è piaciuto molto lavorare in 9-1-1. Tatiana è la fidanzata di Chimney (interpretato da Kenneth Choi, n.d.r.). Chimney è invasato di Tatiana e si sente fuori dalla sua portata. Lui vuole bloccarla con una proposta. Tatiana è molto indipendente, pertanto è sconcertata dalla sua dichiarazione. Ciò che comporta è intenso e mette Tatiana in una posizione difficile.


9-1-1

D. Le scene ella serie sono molti veloci. Come si con svolte le riprese?

Rachel Breitag.  Tutti sul set del 9-1-1 erano persone incredibili con cui collaborare. Nello show ho lavorato più strettamente con Kenneth Choi e Peter Krause. Entrambi sono estremamente umili, creativi e lavorano sodo. Essere parte di un cast simile può essere intimidatorio, ma tutti sono stati capaci di renderlo un ambiente creativo e divertente, rendendo il lavoro molto coeso. Ho imparato molto da questa esperienza. Puoi immaginare che con attori di così alto calibro c’era anche un clima ilare sul set.

D. La serie tv mescola azione e dramma. Ti piace questo genere?

Rachel Breitag.  Adoro questo genere. Sono un grande fan dei procedural drama. Li trovo affascinanti. Qualunque show dove la posta in gioco è alta e crea suspense, mi attrae. È divertente dal punto di vista del pubblico ma soprattutto come attore. Ryan Murphy e tutti gli scrittori del suo team di produzione creano personaggi incredibilmente intricati. Mi piace approfondire  la psiche di un personaggio e la creazione di un retroscena, in linea con quello che scrivono. Quella  è la parte più elettrizzante di quello che faccio. La performance è divertente ma utilizza la mia parte creativa  per consolidare un personaggio. I personaggi nei suoi show o serie tv sono diversi  da tutti gli altri che vedi in TV, e penso che sia ciò che attira un pubblico così vasto. Si prende dei rischi e noi lo adoriamo.

D. Hai lavorato anche al cortometraggio Immoral, nel ruolo di un avvocato. Che ricordo hai di questa esperienza?

Rachel Breitag.  Immoral occupa un posto molto speciale nel mio cuore. Questo è il primo film che ho scritto, diretto, prodotto e in cui ho recitato. Deriva da una conversazione che ho avuto con un amico che era in una situazione difficile. Doveva prendere la decisione se fare o meno un’audizione: se non vi avesse partecipato, sarebbe stato moralmente accettabile ma non avrebbe avuto la possibilità di spingere avanti la sua carriera. Quindi abbiamo scritto un breve film basato su questo enigma con una svolta divertente alla fine. Immoral ha ottenuto molto successo nel circuito del festival di cinema ed è stato premiato. Ha suscitato molte discussioni sulla società e su quanto si sia disposti a fare per ottenere il successo. È disponibile per la visualizzazione su Breitfilms.com. Mentre lo guardi, ti faccio la domanda ... Lo faresti?


D. È un dubbio lecito. Quindi sei anche produttrice con la tua società di produzione Breit Films LLC, di cui sei fondatrice. È difficile essere una imprenditrice?

Rachel Breitag. Adoro essere un’imprenditrice. Sto lavorando a diverse attività imprenditoriali. L'aspetto più difficile è il rischio di avventurarti in affari, non solo dal punto di vista  monetario ma anche in livello emotivo. Devi metterti in gioco, fare rete, permettere agli altri di entrare nella tua vita privata e questo può essere spaventoso. Devi diventare vulnerabile ma non mollare quando diventa difficile. Ho dovuto superare quegli ostacoli per non permettere agli altri che le loro interpretazioni e giudizi diventassero i miei. Altre persone vogliono portarti giù quando stai facendo qualcosa che sentono di non poter realizzare. Diventa un riflesso del loro stesso successo e ho trovato che molte persone provano a distruggerlo. Prima che io avessi uno stile di vita imprenditoriale ero probabilmente una di quelle persone, quindi provo ad avere  grazia e continuo ad essere autosufficiente nelle mie convinzioni. 

D. Qual è l'aspetto più difficile e quello più entusiasmante?

Rachel Breitag. Sono un biscotto duro e un combattente quindi il mio entusiasmo proviene da quelle vittorie quando l'idea ripaga, oppure quando sono in grado di incoraggiare qualcuno con quello che faccio. Il mio obiettivo è quello di aggiungere valore alla vita degli altri attraverso qualunque impresa imprenditoriale che sto perseguendo. Con la mia società di produzione aggiungo valore portando intrattenimento e - auspico - ispirando il mio pubblico con il messaggio presente in ogni film. 

D. Qual è il tuo libro preferito e perché? 

Rachel Breitag. Devo dire la Bibbia. Mi rivolgo sempre alla Bibbia come guida. Se si è una persona di fede o no, lì si trova la giusta intuizione per un percorso della vita. Sforzandosi di vivere una vita come Gesù, non puoi sbagliare.

D. Sei mai stata in Italia?

Rachel Breitag. Sì, sono stata in Italia. Roma era assolutamente da vedere per me e mio marito durante il nostro viaggio di nozze attraverso l'Europa. Ci è piaciuta molto. È un paese incredibilmente bello con una storia brillante e vibrante. Per non parlare del miglior cibo che abbia mai avuto. Abbiamo gettato monete nella fontana di Trevi, quindi torneremo presto. 

D. Da imprenditrice e attrice, come’è la tua giornata tipo?

Rachel Breitag. La giornata consiste nell’alzarsi presto. Mi piace molto la settimana lavorativa. Amo quello che faccio quindi ottengo un vantaggio. Lavoro anche da casa e costruisco il mio programma. Dopo aver fatto una sana colazione, arrivo al lavoro, passo la giornata tra le attività che devo svolgere. Le notti sono riservate a mio marito. Al momento stiamo aspettando il nostro primo figlio che nascerà ad aprile, ciò mi ha reso più appassionata nel perseguire i miei obiettivi. È sicuramente un atto di equilibrio, ma mi sento come se avessi finalmente preso il controllo di me stessa. Sto lavorando ad un nuovo cortometraggio, in maniera così rigorosa che non parteciperò alla sceneggiatura e recitazione. È in uscita per il 2018. Abbiamo anche un accattivante documentario in post-produzione su una prostituta transgender venduta a scopo di tratta sessuale in giovane età e su come ha cambiato la sua vita in questo momento lavorando nel settore sanitario. È incredibilmente stimolante. Ho scritto anche uno script per lungometraggio e quindi sto valutando di trovare collaboratori affini. Spero di realizzarlo nei prossimi due anni. Non appena avremo la nostra bambina ad aprile, spero di tornare subito a fare audizioni e continuare la mia carriera di attrice e il lavoro di produzione. Mi piacerebbe tornare sul 9-1-1 la prossima stagione. Voglio dire, il mondo ha bisogno di sapere cosa succede tra Chimney e Tatiana.

© Riproduzione riservata



Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon