Intervista ad Antonio Pascuzzo e Rossoantico, la musica sgorga dal terreno

Daily / Intervista - 08 August 2013 11:57

Antonio Pascuzzo & Rossoantico rispondono alle domane di Mauxa per la rubrica \'Di che cultura sei?\r\n

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Mauxa Intervista  Antonio Pascuzzo & Rossoantico. Il cantautore e musicista con il disco “Rossoantico” è  finalista Premio Tenco 2011. 

\r\n

D. Qual è il repertorio del recente tour?R. Stiamo suonando un repertorio di brani originali - le canzoni dell\'Album “Rossoantico” - e altre nuove composizioni che faranno parte del secondo album che uscirà prima di Natale; suonandoli dal vivo i brani cambiano e questo ci consentirà di registrarli dopo averli metabolizzati. Inoltre eseguiamo tre o quattro brani di cantautori rivisitati contaminati e riletti dopo averli imbevuti nel rossoantico.

\r\n

D. Nel tour hai collaborato anche Rocco Papaleo. Come è nata la collaborazione?
R. Con Rocco la collaborazione e amicizia è nata negli anni del The Place; io curavo la direzione artistica e ci incontrammo per creare un suo appuntamento fisso al lunedì in cui Rocco ha forgiato le idee che hanno dato vita a “Basilicata coast to coast”. È un artista e una persona speciale.

\r\n

D. In Rossoantico si spazia dal sirtaky alla musica popolare al blues: come mai questa commistioni di generi?
R. No, non si tratta di una commistione: si tratta di una ricerca dei tratti comuni che caratterizzano i generi musicali con una forte legame rispetto al territorio in cui hanno attecchito: è come se la musica avesse le sue spore trasportate dal vento che si posano e declinano diversamente in ragione del terreno, della lingua e dell\'ambiente; per accompagnare il pubblico in questa scoperta usiamo il metodo della \"contaminatio\", con due o tre brani apparentemente distanti tra di loro che si combinano nella stessa esecuzione;

\r\n

D. Qual è il tuo film preferito e perché?
R. “La vita è bella” perché penso che l\'arte debba approfondire i temi importanti dell\'esistenza e della storia, ma sempre da un punto di vista sorprendente; la poesia come qualità dell\'opera.

\r\n

D. Qual è il tuo libro preferito?
R. Tanti, mi ha colpito molto “Un altro giro di giostra” di Terzani, sorpreso e rapito il duo Francesco Guccini e Loriano Machiavelli con “Macaroni” o “Questo sangue che impasta la terra”. Ma ho letto con ammirazione anche l\'estate romana raccontata da Renato Nicolini.

\r\n

D. Qual è il tuo cantante e album preferito?
R. Ho ascoltato tantissime cose e a periodi ognuna l\'ho considerata inarrivabile. Detesto quelli che cantano canzoni che cantan di niente; così per citare quello che ho ascoltato tanto: De André, Conte, Daniele, AvionTravel, Marisa Monte, Vasco Rossi, Ry cooder, Guccini, Caputo, Lhasa de sela, e uno spagnolo di nome Fito & Fitipaldis

\r\n

D. Qual è il vostro prossimo progetto?
R. Un album in cui provare a fermare questi ultimi 3 anni di musica e bellezza di incontri e sogni; continuare ad alimentarli in questa società disperata è come riuscire a coltivare sull\'asfalto; in questi mesi stiamo suonando dal vivo alcuni dei brani che ne faranno parte, è un modo per plasmarli, testarli, rileggerli o riscriverli

© Riproduzione riservata



Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon