Recensione film Icaros: A Vision, Filippo Timi diretto dall'artista Leonor Caraballo

Cinema / Recensione - 09 April 2018 08:00

Icaros: A Vision, in sala dal 12 aprile.

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Icaros: A Vision, realizzato da Leonor Caraballo e Matteo Norzi, è la pellicola d'esordio dell'artista argentina, ispirata dalla propria vicenda personale.

Icaros: A Vision

Angelina (Ana Cecilia Stieglitz) ha un tumore con una prognosi infausta. Decide di andare all'Anaconda Cosmica, un centro terapeutico nell'Amazzonia peruviana. In questo luogo primordiale, ci si cura con le piante, le cui proprietà terapeutiche sono tramandate grazie alla conoscenza degli sciamani. È necessario sospendere dorghe, antibiotici e pillole per dormire perchè le piante “sono gelose”. Per non confondere gli spiriti, i passeggeri (così sono chiamati i pazienti) devono avere chiara l'intenzione da formulare.

A chi vuole disintossicarsi dalle droghe (il passegero Francois, interpretato da Iker Amaya), c'è il rimedio per sfiaccare l'energia della dipendenza. A Leonardo (Filippo Timi) viene prescritta una dieta coadiuvante per l'emotività. Angelina è un caso complesso, lei è una “passeggera coperta con l'energia dei morti”. Ha il susto, la malattia della paura.

Tra i rimedi più potenti della foresta amazzonica, l'ayahuasca è un'antica pianta allucinogena. Sotto il suo effetto, Angelina intraprende il viaggio dentro di sé. Anche il giovane sciamano Arturo sta affrontando la sua battaglia. È affetto da una malattia degenerativa degli occhi che lo renderà presto cieco.

Il film ha come grande protagonista la moribonda foresta amazzonica. Il caucciù le ha portato disgrazia. Lo sfruttamento massiccio delle risorse del polmone terrestre e l'antica conoscenza della piccola comunità Shipipo-Conibo percorrono direzioni opposte. È una lotta impari.

Ci si abitua a tutto, tranne che a sentirsi speciali” confida Leonardo, il dispiacere è quello insito alla perdita della speranza.
Angelina affronta il susto. Arturo troverà l'icaros, il canto guaritore.

Icaros: A Vision è stato co-scritto e co-prodotto da Abou Farman, il compagno di Leonor Caraballo.
Nel cast figurano quattro attori, ai già citati Ana Cecilia Stieglitz, Iker Amaya, Filippo Timi, si aggiunge l'attrice canadese Taylor Marie Milton.
Una scena madre è stata girata nella Casa Fitzcarraldo a Iquitos, set reso celebre da Werner Herzog in Fitzcarraldo (1982).

Leonor Caraballo muore il 24 gennaio 2015. Icaros: A Vision è stato presentato in anteprima mondiale al Tribeca Film Festival nel 2016.


© Riproduzione riservata





Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Advertisement " >