Recensione Strike Bac. 24-02-2011

Tv / News - 24 February 2011 20:10

Arriva in Italia la celebre miniserie britannica già famosa oltre oceano. Ricca di azione, seguiremo in varie location, operazioni militari di salvataggio ad opera di squadre militari inglesi.

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

In prima visione assoluta in Italia, a partire dal 3 Febbraio 2011 ogni giovedì alle 21:00 su FoxFX canale 131 di SKY

La mini serie britannica Strike Back il cui titolo originale è Chris Ryan's Strike Back, è basata su un romanzo omonimo il cui autore è appunto Chris Ryan, autore di best-seller e ex soldato dello Special Air Service, Chris Ryan. È stato prodotto da Left Bank Pictures per Sky1. Il cast di Strike Back è guidato da Richard Armitage e Andrew Lincoln, interpretato anche da Orla Brady, Shelley Conn, Colin Salmon e Jodhi May. La serie vanta anche guest star come Toby Stephens, Ewen Bremner, Dhaffer L'Abidine, Shaun Parkes e Alexander Siddig ed è stata girata i teramente in Sud Africa, in particolare nella provincia di Gauteng.

La vicenda ruota intorno a John Porter (Armitage), un ex soldato delle forze speciali britanniche in servizio nella sezione 20 del Secret Service Intelligence (MI6) e si compone di soli sei episodi. Oltre a John Porter, ex sergente SAS, c'è Hugh Collinson (Andrew Lincoln), ufficiale nella sezione 20 dell'Intelligence Secret Service (MI6). Entrambi, che avevano preso parte a un'operazione svoltasi alla vigilia dell'invasione dell'Iraq del 2003, avevano visto uccisi due soldati nella loro unità. La serie si articola quindi su tre linee della storia principale che ha avuto luogo sette anni dopo. I primi due episodi si concentrano sul rapimento di Katie Dartmouth (Orla Brady), un giornalista inglese, al di fuori Bassora, in Iraq. Gli altri due episodi si svolgono invece in Zimbabwe, dove, il governo del Regno Unito è accusato di aver orchestrato il complotto dell'assassinio di Robert Mugabe, Porter dovrà infiltrarsi nella prigione in cui sono detenuti gli ostaggi per poi aiutarli nella fuga. Gli ultimi due episodi, invece, si svolgono in Afghanistan e in Pakistan, dove un hacker è responsabile per l'uccisione di diversi soldati americani nella provincia di Helmand.

Forte e vivida nelle immagini, la serie non tralascia di certo la descrizione delle battaglie senza essere cruda. Molto ibrida nel suo genere è ricca di lunghe scene di azione pura in pieno stile action movie. Un pò in sospeso, quindi, tra il film di guerra e la serie di genere crime che ultimamente inflaziona il palinsesto. Strike Back si ritaglia un pubblico che ama decisamente più il fare che il dire. Decisamente da vedere per gli appassionati di film bellici in stile Hurt Locker: crudo, forte, duro, piuttosto che pellicole di introspettiva psicologica come in La sottile linea rossa.

© Riproduzione riservata





Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Advertisement " >