Niccolò Fabi pubblica il suo nuovo e quanto mai autentico album 'Una somma di piccole cose'

Daily / News - 23 April 2016 13:00

Niccolò Fabi ha realizzato, nella solitudine della campagna, in compagnia solo della sua chitarra e della sua stupenda voce, l'album 'Una somma di piccole cose', che racconta, in un susseguirsi

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Niccolò Fabi ha pubblicato ieri, venerdì 22 aprile, il suo nuovo album dal titolo ‘Una somma di piccole cose’ che, come afferma il cantautore, è stato creato da lui stesso in solitudine, in campagna. Questo perché la volontà dell’autore era quella di riscoprire la propria dimensione più vera, quella fatta di piccole cose che, messe una in fila all’altra, rappresentano grandi cose.

Una Somma Di Piccole Cose. Ecco la canzone che dà titolo all’intero album e che sintetizza bene il momento artistico in cui si trova l’artista. Perchè 'Abbiamo due soluzioni / Un bell'asteroide e si riparte da zero / O una somma di piccole cose / Una somma di passi / Che arrivano a cento / Di scelte sbagliate / Che ho capito col tempo / Ogni voto buttato / Ogni cm in più / Come ogni minuto che abbiamo sprecato / E non ritornerà.' Sembrerebbe una riflessione, quanto mai solitaria e vera, su questa esistenza fatta di piccole cose, di piccoli gesti, di tempo che passa in piccoli istanti e ci fa capire grandi cose, perchè la Vita è la più grande Maestra.

Tracklist. L’elenco delle canzoni incluse nel nuovo album di Niccolò Fabi, ‘Una Somma di Piccole Cose’, vanta testi molto belli di cui riportiamo qui di seguito i titoli: Una Somma Di Piccole Cose, Ha Perso La Città, Facciamo Finta, Filosofia Agricola, Non Vale Più, Una Mano Sugli Occhi, Le Cose Non Si Mettono Bene, Le Chiavi Di Casa, Vince Chi Molla.

Facciamo finta. Questa è la seconda canzone dell’album ‘Una somma di piccole cose’, una melodia meravigliosa, quasi una ninna nanna che accompagna un testo altrettanto poetico, che racconta, come in una fiaba: “Facciamo finta che sono un eroe / E che posso volare e sconfiggere il male. / Facciamo finta che tu sei diverso / E che malgrado questo io non ti voglio ammazzare. / Facciamo finta che posso schioccare le dita / E in un istante scomparire / Quando quello che ho davanti non mi piace non è giusto / O semplicemente mi fa star male. / Facciamo finta che io torno a casa la sera / E tu ci sei ancora sul nostro divano blu. / Facciamo finta che poi ci abbracciamo / E non ci lasciamo… mai più!.' Nella malinconia di questa canzone si legge tutta la voglia del cantautore romano di mollare tutto e di dedicarsi all’essenziale: una voce, una chitarra, tanta poesia e riflessione. Probabilmente questo è l’effetto dato dal grandissimo successo di Niccolò Fabi avuto con album e tour in compagnia di Max Gazzè e Daniele Silvestri.

In un’intervista, Niccolò Fabi efferma che questo ‘è un disco di opposizione senza essere oppositivo, le canzoni per il loro modo di essere contengono un’opposizione essenziale alla società e al nostro odierno modo di vivere, ma non rappresentano una ideologica presa di posizione. Voglio dire che con le canzoni, con le mie azioni, dimostro di essere contro, ma non ne faccio uno slogan.” L’autenticità delle canzoni di Niccolò Fabi è comunque sempre portatrice di autenticità.

© Riproduzione riservata




Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon