Ad Astra, le scenografie naturali del film di James Gray

Cinema / News - 27 September 2019 11:45

Ad Astra ha nel cast Brad Pitt, Liv Tyler e Donald Sutherland

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Ad Astra è il film di fantascienza nelle sale dal 26 settembre 2019. È diretto da James Gray e ha come interpreti Brad Pitt, Liv Tyler, Tommy Lee Jones, Ruth Negga, Donald Sutherland.

Film Ad Astra


Nel suo viaggio verso l’estremità del sistema solare, il protagonista Roy McBride (Pitt) deve trovare suo padre, disperso da tempo. Ma per il regista del film l’aspetto scenografico era fondamentale quanto quello della trama: “Abbiamo dovuto costruire i set due volte perché avevamo bisogno sia di versioni orizzontali che verticali”, dice Gray. Lo scenografo Kevin Thompson si è documentato con lui presso lo Skylab e la SSI per ottenere informazioni sulle stazioni spaziali, gli interni di uno shuttle, con Pitt che era imbragato a sospeso a dieci metri da terra mentre la macchina da presa lo inquadrava dal basso per rendere l'effetto di assenza di gravità. Infatti Thompson conferma che il lavoro è stato arduo, perché il copione vira verso tematiche esistenziali, “non sembra quello di un tipico film di fantascienza”.
Un film su cui si sono basati è il documentario For All Mankind con i suoi forti contrasti, resi poi in Ad Astra con un utilizzo molto limitato del chroma key e di scene generate al computer, prediligendo scenografie naturali. Infatti i monitor, le cabine di pilotaggio e i fondali sono veri, con la Luna immaginata come una serie di avamposti progrediti tecnologicamente. Gli tessi oggetti presenti nelle scene sono reali, tanto che l'oggetto più futuristico è un piccolo scanner insieme a schermi trasparenti su cui vengono proiettate le informazioni. 

Le riprese sono avvenute on location e non nei teatri di posa: un grande magazzino abbandonato a downtown Los Angeles, un’ex copisteria del Los Angeles Times utilizzata per le scene della piattaforma di lancio, le Dune di Dumont nel Deserto del Mojave.
Così anche il costumista Albert Wolsky ha optato per un abbigliamento comune, non vistoso, con linee semplici. “Sono costumi spaziali simili a quelli indossati dalla squadra Apollo - afferma Gray - Gli stessi sistemi di raffreddamento che vengono usati nello spazio sono stati installati nei costumi degli attori per evitare che morissero di caldo”.


© Riproduzione riservata



Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon