La rivoluzione blues di Dave Van Ronk raccontata nel film dei fratelli Coen, Inside Llewyn Davis

Cinema / News - 19 September 2013 10:16

“Sings Ballads, Blues & a Spiritual” è il primo album di Dave Van Ronk, artista evocato nel film dei fratelli Coen “Inside Llewyn Davis” che ha ottenuto il premio della giuria al Festival di Cannes

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Inside Llewyn Davis è il film di Joel ed Ethan Coen ambientato nel 1961, interpretato da Justin Timberlake, Oscar Isaac, Carey Mulligan e John Goodman. La pellicola ha vinto il gran premio della giuri al festival di Canens 2013, e uscirà in Italia il 16 gennaio 2014.

La vicenda ambientata nella scena folk di Greenwich racconta di Lewyn Davis (Isaac) che si trova ad un bivio, poiché con una chitarra al seguito nel freddo inverno di New York lotta per lanciare  la propria musica oltre gli ostacoli che sembrano insormontabili. Con lui ci sono due amici con cui condivide le avventure, e il film cerca di gettare una luce su un aspetto artistico che è anche di emancipazione sociale e culturale, uscendo dal conformismo dell’era Eisenhower ed aprendosi alle intemperie degli anni ’60.

È il 1951 quando un giovane cantante, Dave Van Ronk nato a Brooklyn da una famiglia di irlandesi “nonostante il nome olandese\" si trasferisce al Queens. Frequenta la scuola cattolica Holy Child Jesus e amplia la sua passione per la musica. Aveva suonato in un quartetto vocale dal 1949, e il jazz pare ora la modalità più semplice di emergere: ma il  blues afro-americani è maggiormente capace di esprimere uno sfogo, e nel 1958 Van Rock passa allo stile folk-blues accompagnandosi con una chitarra acustica. Ha carisma, è espansivo, appassionato di cucina e fantascienza: il primo bianco a cantare musica nera, pubblica “Sings Ballads, Blues & a Spiritual” nel 1959. Non immune dalle polemiche politiche, è membro della Libertarian League - che promuove anarchismo e sindacalismo - e del Comitato trotskista americano per la Quarta Internazionale. Durante i moti di Stonewall del 1969 - che rivendicavano diritti agli omosessuali - è arrestato e incarcerato per breve tempo con l\'accusa di aggressione a un agente di polizia. Appare in \"An Evening For Salvador Allende \", un concerto organizzato da Phil Ochs al fianco di artisti come l’amico Bob Dylan, per protestare contro il rovesciamento del governo socialista democratico del Cile. Si sposa con Terri Thal nel 1960, e poi altre due volte. Continua ad esibirsi per quattro decenni fino al concerto tenuto pochi mesi prima della sua morte avvenuta nel 2002. 

Il film dei fratelli Coen -  prodotto da Scott Rudin e StudioCana - prende a spunto la vicenda di  Dave Van Ronk, nonché il libro di memorie postumo “The Mayor of MacDougal Street”, quasi a sancirne l\'emblema di un passaggio epocale. Nella sua irriverenza taciuta emerge l\'aspetto umano della società attuale, quando le proprie ideologie devono necessariamente essere sottomesse ai problemi economici, ed adeguarsi allo stato di fatto. E infatti Van Rock tenta una strada alternativa ma resta senza uscita, consegnando ad altri il lascito di quella rivoluzione, da Bob Dylan a Bruce Springsteen.

© Riproduzione riservata



Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon