Belen Rodriguez: Scacco matto

Tv / News - 15 March 2011 08:06

La showgirl argentina, in pochi mesi scala i media nazionali

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Belen Rodriguez: Scacco matto. Belen Rodriguez, la show girl sembra adatta per una trama nei romanzi di Andrea Camilleri. Lo chiameremmo Scacco Matto: dopo le traversie dell’estate scorsa, seguite da Mauxa, secondo cui la bella argentina viaggiava in auto con il fidanzato Fabrizio Corona senza patente, o lasciava le valigie fuori di casa del compagno, o appariva in video hot girati appena diciottenne poi spariti e acquistati a prezzo caro, in pochi mesi ha realizzato lo Scacco Matto.

La liasion con il fotografo dirompente è durata per diversi mesi, e lei stessa si è avvinghiata  a questo rapporto, sincero ma complesso. Ma la visibilità che il tam tam mediato dei mesi scorsi le garantì, ha sancito una presenza nell’immaginario italico degna di una star degli anni ’60, con paparazzi scapestrati, fughe rocambolesche e vita simil-pccaminosa. Per di più, è straniera, quindi bramosa di emancipazione in una terra ostile.

Quale modo per edulcorare tutto ciò? Presentare la trasmissione più viva nel cuore degli italiani, la più vista durante l’anno, quella che garantisce un gossip puro e scevro da incapacità. Il Festival di Sanremo.

La conduzione è stata esemplare. Passo successivo: eliminare la sensazione di immagine scapestrata. Ergo, la storia con Corona è finita, non si saper colpa di chi, ma il capolinea è deciso. Mossa successiva: lavorare nella fiction più altolocata del panorama televisivo, per professionalità e provenienza letteraria, ossia scritta da Andrea Camilleri. Di ieri sera è Il Commissario Montalbano, nella parte di una vedova inconciliabile. Poi dark lady, assassina del marito.

Prossimo passo: un film come protagonista, Se sei così, ti dico di sì, prodotta dal regista più autoriale presente in Italia. Pupi Avati.


Un’escalation assennata degna del miglior stratega. Che con pochi colpi, fa scacco matto.

© Riproduzione riservata





Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Advertisement " >