Tutta colpa di Freud: incontro con Paolo Genovese e il cast del nuovo film in uscita il 23 gennaio

Cinema / Intervista - 20 January 2014 19:01

Il nuovo film diretto e sceneggiato da Paolo Genovese è stato presentato questa mattina alla stampa presso il Cinema Adriano a Roma. Uscirà nelle sale cinematografiche il 23 gennaio

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

ROMA - Il nuovo film di Paolo Genovese si intitola Tutta colpa di Freud ed è stato presentato alla stampa questa mattina, presso il Cinema Adriano a Roma. Nel cast Marco Giallini, Vittoria Puccini, Anna Foglietta, Vinicio Marchioni, Laura Adriani, Alessandro Gassmann e Claudia Gerini. Il film uscirà nelle sale cinematografiche il 23 gennaio.

Paolo Genovese, come è nata l'idea del film?

'Volevo dar vita ad una commedia sentimentale al femminile. Ho pensato così a tre storie di ragazze dal punto di osservazione privilegiato di un genitore, in questo caso di un padre divorziato che fa lo psicanalista. Non si tratta di un film sulla psicanalisi, nè sulla terapia di coppia: Tutta colpa di Freud è un film sulle differenze in amore e sulla difficoltà di accettarle'

Marco Giallini, come è stato coinvolto in questo progetto?

'Paolo Genovese è un grande sceneggiatore, un grande regista e un grande amico, col tempo è diventato per me - insieme a Marco Risi e ad un paio di altri registi - un vero fratello elettivo a cui mi lega un’amicizia e una fiducia da compagni di strada. Il nostro sodalizio somiglia ormai a quelle strette collaborazioni del cinema di una volta quando tutto era fondato su materiale umano di prim’ordine, affinità e stima reciproca: per lui e con lui oggi farei qualsiasi cosa. veste i panni di Francesco, analista e padre delle tre protagoniste'

Cosa ne pensa del suo personaggio?

'Per interpretare il mio personaggio ho visto alcuni film, ho letto alcune cose, ma non sono uno che va in analisi un anno per fare un film. Ho cercato di caratterizzarlo un pò con l'aiuto di Paolo Genovese. Mi è piacuto molto vestire i panni di una persona così pacata. Vorrei avere un amico così'.

Grande soddisfazione anche da parte di Alessandro Gassman

'Entro sempre profondamente nel personaggio. Mi sono molto divertito, voglio ringraziare Claudia Gerini, Marco Giallini e Laura Adriani che sono i tre personaggi con cui il mio personaggio si interfaccia. Mi sono trovato molto bene'

Anna Foglietta interpreta Sara, un'omosessuale che vive a New York. Dopo essere stata lasciata dalla sua compagna il giorno in cui le chiede di sposarla, torna a Roma e decide di cambiare orientamento sessuale. L'attrice ha commentato: 'Il mio personaggio ha una tenacia e una volontà reale di cercare la felicità'

Vittoria Puccini veste i panni di Marta, una libraia che si innamora di un ladro di libri sordo (Vinicio Marchioni): 'Il personaggio di Marta mi ha subito incuriosito, il fatto di mettere in scena un rapporto tra una ragazza udente e un ragazzo sordo, devo dire che finchè non ci siamo trovati a lavorare su questo con Vinicio e con Paolo non era così evidente come rendere cinematograficamente questo rapporto. Lavorando è stato molto interessante, e molto magico, ho riscoperto il potere del silenzio, due persone che anche solo guardandosi riescono a comunicare tanto, e a quanto sia bello ascoltare il silenzio'

Nel corso della conferenza stampa, Vinicio Marchioni ha parlato del suo personaggio e della lingua dei segni. 'Mi auguro che questo film e questo ruolo possa aiutare queste persone ad avere il riconoscimento di questa lingua perchè la stanno aspettando da un sacco di anni'

La giovane Laura Adriani, classe 1994, interpreta Emma, diciottenne innamorata di un uomo di 50 anni (Alessandro Gassmann) :'Ho adorato Emma fin dal primo istante, è un personaggio meraviglioso, pieno di vita, e si contrappone totalmente ad un uomo di 50 anni, fa vedere il grande divario tra una persona di 20 anni che crede ancora in tutto, e una persona di 50 che invece non crede più a tante cose. Il mio personaggio ha questo padre, che in realtà è il suo unico grande amore'.

Claudia Gerini, com’è stata la sua esperienza con Paolo Genovese?

'Durante le riprese di Una famiglia perfetta era già nata una bella amicizia professionale destinata a durare, poi Paolo mi ha chiamato e mi ha raccontato questa nuova storia molto al femminile che aleggia intorno allo psicoterapeuta Francesco (Marco Giallini) che finisce con l’innamorarsi perdutamente del mio personaggio, Claudia, una signora borghese equilibrata, riservata, che si ritrova ad un bivio nella relazione col marito fino a quando non scopre che lui ha un’altra, restandoci piuttosto male e cercando di capire perché'.

© Riproduzione riservata



Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon