Intervista all'autrice Pam Jenoff: dal Pentagono alla scrittura

Daily / Intervista - 13 May 2019 07:30

Pam Jenoff pubblica il nuovo romanzo Le ragazze perse di Parigi

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Pam Jenoff è una scrittrice statunitense al primi posti della classifica del The New York Times. Ma ha lavorato anche al Pentagono, come assistente speciale al segretario della difesa. Insegna diritto - e scrittura legale - alla Rutgers Law School: il suo romanzo La ragazza nella neve (2017) è stato un bestseller, e in Italia sono stat pubblicati anche La ragazza di Cracovia e La moglie del diplomatico

Le ragazza perse di Parigi sarà pubblicato a giugno, e racconta di una valigia ritrovata, contenente foto di donne: erano tutte spie inviate a Londra durante la Seconda Guerra Mondiale.


Pam Jenoff libri

Come è nata l'idea del romanzo The Lost Girls of Paris?

Generalmente scrivo libri incentrati sulla seconda guerra mondiale.  Il mio amore per questo periodo deriva da anni trascorsi come diplomatico in Polonia, mentre lavoravo su questioni relative all'Olocausto.  Stavo cercando un argomento per il mio prossimo libro quando mi sono imbattuta nella vera storia delle donne che hanno collaboravano come agenti per il SOE (Special Operations Executive) della Gran Bretagna. Sono stata immediatamente colpita dalla portata delle loro pericolose missioni, e dalle molte donne che avevano servito il SOE con tanto coraggio.  Mi colpì anche il fatto che molte di loro erano state catturate e uccise, e che sembrava esserci una sorta di tradimento alla base della loro caduta.

Come è venuta a conoscenza della vita degli agenti segreti? 

In realtà ci sono diversi libri di saggistica che sono stati scritti sullo Special Operations Executive e sulle donne che lo hanno servito, tra cui A Life in Secrets.  Sono stata in grado di usare libri e altro materiale di ricerca per imparare come le ragazze sono state reclutate, addestrate e dispiegate.  Sfortunatamente, non ho avuto la possibilità di parlare con nessuno di persona.

Ha lavorato al Pentagono. La sua esperienza le è servita nel romanzo?

Ho passato un anno come assistente speciale del segretario dell'esercito, sostenendo operazioni ai più alti livelli di governo.  Durante questo periodo, ho viaggiato per eventi per commemorare il 50° anniversario della seconda guerra mondiale in tutto il mondo, anche a Bastogne, in Slovacchia e nelle Filippine.  Queste esperienze hanno ispirato alcuni dei miei libri.

Pensa che il tema dell'Olocausto sia ancora interessante da raccontare? 

L'Olocausto è così avvincente di per sé.  Le circostanze terribili e le scelte difficili rendono la narrazione molto avvincente.  C'è anche la fretta di catturare e raccontare le storie dei sopravvissuti dell'Olocausto ora che possiamo, perché quelle persone stanno andando avanti negli  anni. Ancor più fondamentale, l'Olocausto fornisce lezioni importanti e convincenti per molte delle questioni che stiamo affrontando oggi, tra cui l'immigrazione, i rifugiati e altri diritti umani e la crisi umanitaria.

Q. Lei ha vissuto a Cracovia. Cosa ha amato di più e di meno della città?

A. Ho vissuto a Cracovia per quasi due anni e mezzo a metà degli anni Novanta.  Era subito dopo la fine del comunismo e la vita non era facile - non si poteva bere l'acqua, l'inquinamento atmosferico era elevato.  Ma la gente era così gentile e mi ha aperto le loro case.  E la storia era così significativa.  È stato un periodo importante della mia vita che ha posto le basi per tutto ciò che sarebbe successo.

Q. Qual è il tuo prossimo progetto?

A. Il mio prossimo libro è ispirato alla storia vera di una giovane ragazza che è sopravvissuta alla guerra in una fogna. È ancora molto presto, ma restate  sintonizzati.

© Riproduzione riservata



Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon