Megan Fox, è una starlette nel nuovo film Zeroville

Cinema / Editoriali - 30 May 2018 10:00

James Franco è regista e attore del film Zeroville.

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Megan Fox, rimasta appartata dopo Tartarughe Ninja - Fuori dall’ombra (2016) reciterà in un film diretto da James Franco. Si tratta di Zeroville, tratto dall’omonimo romanzo del 2007 di Steve Erickson,

Megan Fox

La vicenda è ambientata alla fine degli anni '60 a Los Angeles. Soprannominato "Vikar", Ike Jerome (James Franco) è uno studente di architettura di 24 anni, che si ispira ai pochi film che ha visto. Nel film la sua occupazione è in realtà quella di seminarista. Per guadagnare guida l’autobus a Hollywood: se all’inizio appare come violento e irascibile, lentamente si comprende che il suo atteggiamento di inettitudine sociale è in realtà un disturbo autistico borderline. 

Ha un tatuaggio di Montgomery Clift ed Elizabeth Taylor dietro la nuca rasata, così come appaiono nel film A Place in the Sun (Un posto al sole, 1951): lo stesso fantasma di Clift (interpretato da Dave Franco) gli appare spesso. Ha un aspetto anacronistico e stridente alla maggior parte delle persone che incontra. Tra queste ci sono  Zazi (Joey King, vista di recente in The Kissing Booth) e  Soledad Paladin (appunto Megan Fox). Soldedad è una starlette di Hollywood con un passato molto travagliato, di cui  Vikar s’innamora fino ad esserne ossessionato.


Il primo lavoro nel settore del cinema lo ottiene come costruttore di set: qui incontra un vecchio montatore di pellicola con cui stringe amicizia. Vikar inizia un viaggio onirico nel mondo dei film che per termina in una tragedia e con una scoperta orribile.

Il libro è divenuto un cult anche per il modo di procedere nella narrazione, composta da brevi capitoli scritti come scene di un film, con descrizioni molto visive.  Nell’anno di uscita è stata nominato uno dei migliori romanzi dell’anno dalla rivista Newsweek, dal Washington Post BookWorld e dal Los Angeles Times Book Review.

A ciò si uniscono tematiche come quelle del potere quasi atavico che hanno i film di modificare la mentalità e i modi di vivere delle persone, con la conseguente adorazione che si sviluppa verso le star. In quegli anni inoltre i vecchi studios erano guidati da giovani registi, che non sapevano nulla degli stessi film tanto che lo stesso Vikar lamenta la scomparsa dei film da Hollywood: "Sono nella capitale mondiale del cinema e nessuno sa nulla dei film”, dice. Tra gli incontri del protagonista ci sono quelli con Francis Ford Coppola (interpretato da Horatio Sanz),  Patti Smith (Nina Ljeti), Robert De Niro, John Milius, Paul Schrader e Brian De Palma.

Per Megan Fox è il primo ruolo in un film tratto da un romanzo, dopo il disastroso Quanto è difficile essere teenager! (Confessions of a Teenage Drama Queen, 2004).

Per James Franco invece è la conferma di un percorso audace ormai intrapreso da anni, dopo In Dubious Battle - Il coraggio degli ultimi (2016), The Disaster Artist (2017), e il prossimo The Long Home, tutti adattati da romanzi. 

© Riproduzione riservata



Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon