Glenn Cooper in libreria con un nuovo avvincente romanzo: La mappa del destino

Daily / Approfondimenti - 01 February 2012 07:42

Tra i libri in uscita a Gennaio 2012 é da non perde il nuovo romanzo di Glenn Cooper La mappa del destino della Edizione Nord disponibile in tutte le librerie dal 20 gennaio.

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Tra i libri in uscita a Gennaio 2012 è da non perdere la riedizione del romanzo di Glenn Cooper La mappa del destino della Edizione Nord. 
Dopo il grande successo ottenuto con La biblioteca dei morti e Il libro delle anime -  libri che hanno venduto complessivamente più di 700mila copie - e Il marchio del diavolo - uscito a dicembre 2011 - Glenn Cooper torna all'attacco con un romanzo di genere, rincorrendo il primato di Dan Brown con la sua personale interpretazione del thriller a sfondo storico/archeologico.
Con La mappa del destino Glenn Cooper regala ai suoi appassionati lettori un nuovo e interessante romanzo ambientato nel Périgord, in Francia. L'autore ha strutturato il libro in modo originale, dove il fattore tempo non segue un percorso ordinario. Infatti l'opera viaggia su tre piani temporali e costruisce un ponte fra epoche storicamente distanti fra loro, attraverso le alterne vicende del manoscritto e del segreto che custodisce, un mistero in grado di scatenare una lunga serie di eventi drammatici.
Con le prime pagine del libro i lettori si trovano catapultati nel lontano 1899 e assistono alla meravigliosa scoperta che fanno due giovani turisti durante una passeggiata: una grotta che nasconde qualcosa di straordinario. Sfortuna vuole che i due giovani muoiano misteriosamente.

Glenn Cooper libri

Torniamo quindi ai giorni nostri con l'archeologo Luc Simad, protagonista del romanzo. Luc nei resti di un'antica abbazia benedettina di Ruac distrutta a causa di un incendio, trova un manoscritto risalente agli inizi del 1300 rimasto nascosto per ben 700 anni e contenente alcune indicazioni cifrate relative a una misteriosa caverna. Per settecento anni è rimasto nascosto in un muro dell'abbazia. Poi una scintilla ha scatenato un incendio e il muro è crollato. Stupito, l'abate Menaud sfoglia quel volume impreziosito da disegni di animali e di piante. È scritto in codice, ma le prime parole sono in latino: "Io, Barthomieu, monaco dell'abbazia di Ruac, ho duecentoventi anni. E questa è la mia storia." Per migliaia di anni è rimasto immerso nell'oscurità. Poi un'intuizione ha squarciato le tenebre. Incredulo, l'archeologo Simard cammina in quel grandioso complesso di caverne, interamente decorate con splendidi dipinti rupestri. E arriva all'ultima grotta, la più sorprendente, dove sono raffigurate alcune piante: le stesse riprodotte nell'enigmatico manoscritto medievale... Per un tempo indefinibile è rimasto avvolto nel mistero. È stato custodito da santi e da assassini, è stato una fonte di vita e una ragione di morte. Poi un imprevisto ha rischiato di svelarlo agli occhi del mondo. Spietati, gli abitanti di Ruac non hanno dubbi: i forestieri devono essere fermati. Perché la cosa più importante è difendere il loro segreto. A ogni costo.
L'eroe del romanzo è Luc Simard, archeologo di fama e uomo affascinante. Personaggio dal carattere vulnerabile, si potrebbe definire l'antitesi di Indiana Jones. Il suo successo come archeologo importante lo rende autorevole agli occhi degli altri, incutendo spesso una certa reverenzialità, poco propenso all'ironia.  E' inoltre un' irresistibile tombeur de femmes.
Insomma non è uno di quei protagonista che ispira dal principio un'immediata simpatia si dall'inizio del racconto, tanto appare l'uomo senza macchia. Ma proseguendo con la lettura e indagando nella storia di Luc, ne scopriamo anche le debolezze, e il personaggio acquista spessore.
Nello svolgersi della vicenda, grande importanza assume anche il villaggio di Rauc. Misteriosi incidenti, sparizioni, incendi, morti inspiegabili sembrano confermare che attorno al paese grava una maledizione, proprio come quella che, si dice, colpì i partecipanti agli scavi e al ritrovamento della tomba di Tutankhamon, in Egitto.

Nel pieno stile Cooper, caratterizzato da una scrittura precisa e incisiva, lo scrittore ci presenta un romanzo ben costruito, dove ad una trama ricca di ritmo e suspance si intreccia uno stile narrativo scorrevole e che sa tenere alta la tensione del lettore.

E se gli appassionati di Cooper volessero dilettarsi con un nuovo romanzo dell'autore, si avverte che sempre a gennaio è uscito un nuovo libro: Il marchio del diavolo.

Per i fan di Cooper: la casa editrice informa che l’autore sarà in Italia per presentare il libro il 9 e il 10 febbraio a Milano e l’11 febbraio a Roma.

© Riproduzione riservata



Focus
img-news.png

Libri e romanzi da leggere

Libri e romanzi da leggere: interviste, news, gallery, recensioni sui libri thriller, mistery, romantici, biograficiLeggi tutto

Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon