Gomorra

Gomorra

Voto Mauxa.com

4 5 1 1000
Voto Lettori

  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
TV
Gomorra 4 - La serie, le novità della trama
29-03-2019 08:59 La quarta stagione di Gomorra - La serie debutta stasera su Sky Atlantic. Genny Savastano (Salvatore Esposito) abbandonerà nelle nuove trame la sua vita illegale per divenire imprenditore. Patrizia Santoro (Cristiana Dell'Anna,  leggi l'intervista) è ora Donna Patrizia, cui sarà riservato il compito di gestire le attività del marito Genny. Valerio (Loris De Luna) è il vicario di Enzo. La serie è tratta dal romanzo di Roberto Saviano (leggi l'intervista a Pasquale Esposito). 

La serie tv Gomorra. La serie tv è del 2014 ed è basata sull'omonimo romanzo di Roberto Saviano e ideata dallo stesso autore. È la terza trasposizione dell'opera dopo il film di Matteo Garrone e lo spettacolo teatrale di Mario Gelardi. 

Trama della serie tv Gomorra. I Savastano e i Conte sono due clan della Camorra in conflitto tra loro. Entrambi vogliono assicurarsi il controllo del traffico di armi e stupefacenti della loro zona.

Cast della serie tv Gomorra. Il cast tutto italiano comprende: Marco D'Amore (Ciro di Marzio), Fortunato Cerlino (Pietro Savastano), Mariapia Calzone (Imma Savastano), Salvatore Esposito (Gennaro Savastano), Marco Palvetti (Salvatore Conte).

Critica sulla serie tv Gomorra. La serie ha ottenuto un ampio successo di critica e pubblico anche all'estero. Jasper Rees del Telegraph scrive che "alla fine del primo episodio di Gomorra sembra di essere entrati in un programma di protezione testimoni. E' crudo e brutto (nel senso buono) e, per coloro che tendono a romanticizzare l'Italia, è un altro antidoto frizzante".

Seconda stagione Gomorra. Nella seconda stagione, che andrà in onda su Sky Atlantic in primavera, verrà introdotto un nuovo, carismatico personaggio femminile: Scianel, che andrà ad occupare il posto lasciato vuoto da Donna Imma Savastano. Si tratta della sorella di Zecchinetta, uomo di fiducia di don Pietro Savastano, ucciso nella prima serie dai killer del figlio Genny. La donna diventa la reggente della piazza di spaccio delle case dei Puffi, a Scampia, dove abita in un appartamento bunker. A interpretarla sarà Cristina Donadio, che ha rivelato in un'intervista al Corriere del Mezzogiorno: “La madre aveva una bancherella di profumi ed è per questo che la chiamano Scianel. È un’Erinni di Secondigliano, bella e impenetrabile. Non conosce il bene, non si lascia mai andare, è una matriarca del male in un mondo di uomini. La sua passione è il gioco d’azzardo, anche come metafora”. 
Nella serie verrà introdotto anche un altro personaggio femminile, interpretato da Cristiana dell'Anna, su cui non si sa ancora molto. 
Intanto l'attore Marco D'Amore ha dichiarato a Repubblica: “La nuova serie allargherà ancora di più lo sguardo e la prospettiva oltre i confini dell'Italia, e si vedrà quanto in Europa e fuori dell’Europa, i paesi debbano fare sempre più i conti oggi con un fenomeno criminale che non è più solo campano o italiano”.

Il  film  Gomorra ripercorre solo alcuni filoni presentati dal libro come le vicende di due minorenni (Marco e Ciro) che si ribellano al “Sistema” per poter fare sistema a sé, usando, però, le stesse regole ed armi della camorra. Verranno puniti per questa sfrontata sfida al controllo assoluto dei clan. Lo svolgersi degli eventi segue anche la follia criminale dell’enorme business legato ai rifiuti tossici. Una scena emblematica presenta l’arrivo di una squadra di minorenni, reclutata in pochi minuti per le strade, chiamati a guidare camion carichi di rifiuti tossici. Seduti su pile di cuscini questi adolescenti imparano le semplici operazioni di manovra in avanti e di frenata lungo la scarpata per portare le merci a destinazione lungo i pochi metri che portano alla discarica dove tutti, ormai, si rifiutano di andare per paura di contaminazioni e altri danni fisici.

Il libro Gomorra è  un racconto condotto dall'autore in forma di cronaca quasi investigativa piena di dati e date precise, descrizioni minuziose di episodi che per il loro realismo scorrono davanti agli occhi come nitide istantanee fotografiche: la brutalità  delle migliaia di morti, molti minorenni, con cui la sola Campania è diventata la zona con il tasso di assassinii più  alto in tutta Europa, la perenne lotta di sangue per il potere tra famiglie camorriste e l'acume imprenditoriale anche delle loro donne. Viene scoperchiato un intricato formicaio e denunciato il liberismo più cinico e feroce applicato senza vergogna a merci come droga, armi, beni immobiliari, rifiuti tossici da smaltire che producono tutti i guadagni illegali della camorra campana e non solo. 

Vota la Scheda

Registrati o Accedi su Mauxa.com per votare questa scheda

Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon