Recensione Un amore sopra le righe, i segreti di una moglie dietro un bestseller

Cinema / Recensione - 13 March 2018 10:20

Nelle sale da giovedì 15 marzo, Un amore sopra le righe: con Nicolas Bedos e Doria Tillier.

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Un amore sopra le righe segna il debutto alla regia di Nicolas Bedos. Insieme alla moglie Doria Tillier, Bedos firma anche la sceneggiatura immaginando le prospettive di una lunga, quasi mezzo secolo, vita di coppia.
Sotto il segno dell'umorismo, si setacciano le complicazioni con l'arrivo di due figli, di cui uno (fictional)non particolarmente brillante, le stagioni dei tradimenti, lo spettro della malattia nella vecchiaia.

Un amore sopra le righe

Un amore sopra le righe comincia con il funerale di Victor Adelman, un celebre scrittore. Al rito funebre è presente anche un giornalista, invitato alla cerimonia dalla moglie di Sarah. Vuole scrivere una nuova biografia su Victor, diversa dalle numerose già pubblicate, incentrata sulle persone che lo circondavano in vita. La protagonista silente di quest'opera sarà la moglie Sarah che si presta a raccontarne la storia. Con spiccato senso del Witz freudiano.

Victor e Sarah si incontran casualmente "nel locale notturno più sgangherato di tutta Parigi". Complice una bevuta di troppo, lui trova in lei un'incredibile somiglianza con Brigitte Bardot. L'impressione evapora, insieme ai fumi dell'alcol al suo risveglio: Sarah gli pare più una cavalla con i dentoni, ma ormai il destino ha deciso di puntare su di loro.
Si perdono di vista per rivedersi a un party e, successivamente, anche  a una cena di Natale a casa di lui: la prima volta, Sarah si presenta come la fidanzata del suo miglior amico, la seconda è diventata la compagna del fratello.

Quando si sposano, Victor proviene da un ambiente proletario malcamuffato da borgese e, professionalmente,  odora ancora di latte; Sarah, invece, ha una famiglia di lingua yiddish modesta con una biblioteca stipata di scrittori brillanti.

Agli esordi, Victor possiede la sua sola ambizione e, sì, scrive "decisamente da cani". Accanto alla moglie, un dottorato in lettere antiche, diventerà uno scrittore di straordinario successo. Non è difficile immaginarne il motivo.

La famiglia Adelman si allarga con l'arrivo di un figlio complicato e una figlia da mantenere oltre la maggiore l'età. Sarah sopporta i tradimenti di Victor, la solitudine di una moglie accantonata, gli eventi drammatici.
Anche dietro l'epilogo c'è un segreto di famiglia. E Sarah adora i segreti, ingredienti indispensabili per un bestseller letterario.

Il finale è sancito dalle parole del giornalista: “Io penso che l'amava e che era il momento di separarsi, per lei e per lui”.


© Riproduzione riservata



Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon