Recensione libro Il Presidente è scomparso, in testa alla classifica del New York Times

Daily / Recensione - 15 June 2018 08:00

Di James Patterson e Bill Clinton, l'edizione italiana è a cura di Longanesi.

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Il Presidente è scomparso è il nuovo thriller di James Patterson e Bill Clinton. Annunciata la collaborazione tra l'autore di tanti bestseller e l'ex inquilino della Casa Bianca, il libro è noto ancora prima di apparire in libreria. Alla sua uscita, raggiunge la vetta delle classifiche negli Stati Uniti. Anche in Italia rientra nella top ten dei libri più venduti. Intanto Show Time sta pensando a un adattamento televisivo.

Il presidente Jonathan Lincoln Duncan rischia l'impeachment. Ma è un uomo tutto d'un pezzo che ama il proprio Paese e deve affrontare una delicata situazione, di cui è venuto a conoscenza. Ha di fronte tredici squali che nuotano intorno a lui, giocando con la propria preda: otto rappresentano l'opposizione, cinque appartengono al suo stesso partito.
Duncan non può rispondere alle domande spicciole, in palio c'è la sicurezza degli Stati Uniti.

Il Presidente affronta l'interrogatorio, ma è stanco. Durante l'udienza, pensa a quell'onorevole, uno dei politicanti opportunisti che vogliono la sua testa: probabilmente la decisione più ardua presa negli ultimi giorni è stata quale farfallino esibire, o da che parte ravvivare il riporto. Eppure, gli squali si stringono intorno a lui compiaciuti, muovono pedine al buio in una scacchiera che non conoscono.

Duncan, al contrario, ha ben altre responsabilità: “Io negli ultimi tempi ho passato le mie giornate a tentare di rendere più sicuro questo Paese. E' un compito che richiede scelte difficilissime. Spesso bisogna decidere destreggiandosi tra le incognite. A volte ho davanti soltanto possibilita` di merda, eppure sono costretto a scegliere quella che mi sembra un po’ meno di merda. Com’e` naturale, mi chiedo sempre se ho preso la decisione giusta, se alla fine la mia strategia si rivelerà vincente o no. Ma posso soltanto sforzarmi di dare sempre il massimo e vivere in pace con la mia coscienza”.
E non gode neppure di ottima salute: “
La prospettiva del prelievo non mi elettrizza: la dottoressa non ci sa fare granchè con gli aghi, è  fuori allenamento. Al suo livello di specializzazione, è
 abituata a delegare agli altri i compiti più elementari, ma bisogna restringere il più possibile la cerchia di persone al corrente della mia malattia. Il fatto che io soffra di TPI può benissimo essere di pubblico dominio, ma non bisogna far sapere quant’è  grave, soprattutto in un momento come questo. Quindi per ora devo accontentarmi di lei”.

Anche i media non vogliono concedergli tregua, l'impeachment è una benedizione per le prime pagine e i palinsesti televisivi.
Intrappolato in questo scenario, al Presidente non rimane che scomparire.

La trama del Presidente è scomparso si snoda intorno al tallone di Achille del mondo occidentale: la tecnologia, da cui dipendono il sistema bancario, le comunicazioni, i trasporti, l'elettricità, l'acqua potabile. E molto altro. Chi potrebbe avere interesse a una tale paralisi?


© Riproduzione riservata



Focus
img-news.png

Libri e romanzi da leggere

Libri e romanzi da leggere: interviste, news, gallery, recensioni sui libri thriller, mistery, romantici, biograficiLeggi tutto

Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon