Recensione biopic Il castello di vetro con Brie Larson

Cinema / Recensione - 29 November 2018 12:55

In sala dal 29 novembre, dal bestseller di Jeannette Walls.

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Il castello di vetro (The Glass Castle, il titolo originale), diretto da Destin Daniel Cretton, è il biopic tratto dal bestseller di Jeannette Walls. Il film può contare sull'applaudita interpretazione di Brie Larson, Naomi Watts e Woody Harrelson nei panni dei protagonisti principali.

Film Il castello di vetro

Jeannette Walls è una stimata giornalista statunitense che decide di pubblicare un memoir nel 2005. Il libro è presente nella classifica dei titoli più venduti del New York Times per oltre quattrocentoventi settimane: premiato e tradotto in una ventina di lingue (in Italia è edito da Piemme e Rizzoli), con quasi tre milioni di copie vendute.

Cinematograficamente Il castello di vetro è l'adattamento lineare della storia di un legame famigliare tanto imperfetto, quanto profondo e indissolubile.

Jeannette (Larson) ha, ormai, una carriera avviata a New York ed è in procinto di sposarsi. La narrazione avviene tra il presente di una vita agiata e conformista e il passato difficile.

Insieme a due sorelle e un fratello, Jeannette cresce con due genitori ingombranti, particolarmente insofferenti alle convenzioni sociali. La madre (Watts) si dedica all'arte della pittura. Il padre (Harrelson) è dotato di una mente brillante, ma la dipendenza dall'alcol lo costringe a procurarsi soldi con il gioco d'azzardo. In casa non manca la cultura, ma cibo, e i bambini hanno fame.

Tra incidenti domestici, liti violenti, fughe da creditori e assistenti sociali, i Walls conducono una quotidianità nomade, finché decidono di fermarsi nel villaggio dove vivono i nonni paterni.

Si sistemano in una struttura fatiscente, tutto cambierà promette il padre che progetta di trasformarla in una luminosa struttura di vetro. Invece, i soldi per mangiare continuano a scarseggiare, i demoni sopravvivono. I bambini sono costretti a prendersi cura di se stessi e stringono un patto.

© Riproduzione riservata



Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon