Recensione film Iron Man 3, un eroe maturo

Cinema / Recensione - 24 April 2013 07:00

Lo Stile Marvel Comics di Stan Lee e Jack Kirby viene rappresentato al cinema per la regia di Shane Black in Iron Man 3 con Robert Downey Jr e Gwyneth Paltrow

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Iron Man 3, l'eroe a fumetti della Marvel creato da Stan Lee e Jack Kirby giunge al suo terzo capitolo cinematografico per la regia di Shane Black (Kiss Kiss Bang Bang) con le interpretazioni di Robert Downey Jr, Rebecca Hall, Gwyneth Paltrow e Ben Kingsley.

Iron Man - Tony Stark (Robert Downey Jr), eccentrico industriale e brillante scienziato è alle prese con un nemico potente e deciso a dimostrare che gli eroi non esistono. Ossessionato dalla creazione di nuove armature sempre più efficienti e tecnologiche, Stark viene attaccato nell'intimità della propria lussuosa villa dal temibile Mandarino (Ben Kingsley). Quando il suo mondo viene stravolto ed i suoi affetti messi in pericolo Tony s'imbatte in una drammatica missione per trovare i responsabili e compiere la sua vendetta.


Marvel Comics e la Walt Disney Studios presentano questo terzo capitolo della saga sull'eroe creato da Stan Lee, personaggio che ha contribuito a diffondere il cosiddetto "Stile Marvel" ed ambientato successivamente agli accadimenti avvenuti in The Avengers che hanno restituito al mondo degli eroi uno stressato Tony Stark. Episodio che sublima anche la curiosità degli appassionati della storia a fumetti quando lascia intravedere il personaggio di Pepper Potts (Gwyneth Paltrow) che indossa, in una scena molto spettacolare, l'armatura di ferro riuscendo a salvare Tony dalle macerie della sua suggestiva abitazione.

Il cast offre una grande performance e Ben Kingsley nelle vesti del Mandarino sembra una scelta estremamente azzeccata. Il Mandarino emerge dallo scenario dei comics come un personaggio complesso, un fine scienziato e conoscitore delle arti marziali che deriva il suo potere da dieci anelli alieni. Guy Pearce è interprete l'altro cattivo dal quale Iron Man si dovrà guardare, il Dr. Aldrich Killian, un genetista che aiutato dalla sua assistente Maya Hansen, interpretata da Rebecca Hall, ha inventato una formula genetica in grado di conferire al corpo umano particolari caratteristiche di forza e resistenza ma non solo.

Iron Man 3 è altamente spettacolare dagli effetti speciali molto suggestivi ma affonda anche nell'intimità del personaggi Stark che vive con i fantasmi del suo recente passato. Un eroe maturo che ha scoperto cos'è importante nella sua vita. La narrazione ha un buon ritmo e sebbene il film non raggiungere gli ottimi livelli toccati da The Avangers, intrattiene e diverte lo spettatore di ogni età. In questo più che negli altri episodi la trama tratta dal fumetto lascia anche spazio ad una storia maggiormente matura. La Marvel e la Walt Disney hanno prodotto un film pronto ad ottenere lo stesso successo di pubblico realizzato dai precedenti capitoli.

© Riproduzione riservata



Focus
img-news.png

Iron Man 4

Iron Man 4: news, gallery ed aggiornamenti sulla saga Marvel ComicsLeggi tutto

img-news.png

Iron Man

Iron Man, Marvel CommicsLeggi tutto

Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon