DC Comics, Deathstroke Rebirth: il debutto del supervillain che convince i lettori

Comics / Super Heroes / News - 26 August 2016 10:00

"Deathstroke #1" scritto da Christopher Priest e disegnato da Carlo Pagulayan e Jason Paz per DC Comics: non solo un mercenario, le novità della nuova serie 2016.

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

In casa DC Comics è tempo di “Rebirth” anche per “Deathstroke” che ha debuttato due giorni fa nelle fumetterie statunitensi. La nuova serie, con cadenza quindicinale, segna il ritorno di Christopher Priest nel panorama fumettistico mainstream, dopo un decennio di assenza per divergenze artistiche.

La trama vede il killer Slade Wilson, alias Deathstroke, coinvolto nei loschi interessi politici del dittatore di un paese africano dilaniato dalla guerra. Si troverà di fronte a una difficile decisione da prendere: onorare il suo contratto o salvare la vita di un amico.

La serie è stata pensata per tutti i fan del supervillain, anche quelli più giovani che magari non hanno ancora avuto l'occasione di leggerne un fumetto. Così, dopo l'introduzione del personaggio nel primo numero, facciamo via via la conoscenza dell'amico e mentore Wintergreen, i figli Grant, Joe e Rose, la moglie Adeline. Insomma, in fase di Rinascita, la famiglia di Deathstroke giocherà un ruolo fondamentale nelle avventure future.
Il primo arco narrativo è intitolato “The Professional” e sarà sviluppato nei primi otto numeri.

Nella sua carriera ha raccontato molti supereroi, ora per Christopher Priest è arrivata l'opportunità di trattare anche un primo supervillain: una sfida accattivante, ammette Priest, il quale si è interrogato sulle motivazioni dietro la decisione di diventare un cattivo. Supereroe e supervillain condividono poteri speciali, ciò che li contraddistingue è una differente prospettiva.

Più che un mercenario dedito alla violenza gratuita, questa nuova serie ci mostra uno Slade Wilson più interessante, incline a una certa vena malinconica come a certi richiami della propria coscienza: un supervillain che rappresenta il lato oscuro dell'Universo DC.
Anche l'intreccio politico, che motiva le sequenze di azione, è tra i punti di forza del comics più convincente per i fan.

Alla sceneggiatura di Christopher Priest si affiancano i disegni di Carlo Pagulayan e Jason Paz.

© Riproduzione riservata



Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon