Ben Stiller: lavorò anche al film 'Zoolander' la madre Anne Meara scomparsa a 85 anni

Cinema / News - 25 May 2015 13:10

Anne Meara, madre di Ben Stiller è morta a 85 anni: l'attrice lavorò anche al film "Zoolander", nonché a Broadway.

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Ben Stiller ha subito un lutto nella giornata di sabato 23 maggio, perdendo la madre Anne Meara di 85 anni.

Comunicato. La famiglia di Meara e Jerry Stiller, sono stati sposati per 61 anni, lavorato insieme per tutta la carriera, così come indicato nel comunicato stampa ufficiale inviato. Meara era una commediografa prolifica, così come raccontato nella sua autobiografia "Married to Laughter: A Love Story Featuring Anne Meara”. La donna incontrò il marito ad un casting nel 1953.

Biografia. Collaborarono poi alla commedia "Stiller & Meara", nonché a popolari show televisivi del 1960, tra cui "The Ed Sullivan Show" e "The Tonight Show Starring Johnny Carson". Meara recitò in molri ruoli televisivi negli anni 1980 e 1990, apparendo in spettacoli di successo come "Love Boat", "ALF" a "Sex and the City".

Broadway. Meara ha lavorato a Broadway nella pièce di Eugene O'Neill "Anna Christie", per il quale ha ricevuto una nomination ai Tony del 1993, nonché nella soap opera "All My Children" dove ha interpretato Peggy Moody dal 1993 al 1998. Ha ricevuto quattro nomination agli Emmy, tra cui uno nel 1997 per il suo ruolo in "Homicide: Life on the Street".

Zoolander. Anne Meara ha anche lavorato con il figlio Ben Stiller e la figlia, Amy nel film commedia del 2001 "Zoolander", di cui si sta realizzando il sequel in queste settimane a Cinecittà. Ha anche lavorato nel film d’esordio registico di Stiller, "Reality Bites" del 1994. Ha avuto un piccolo ruolo nel 2006 film "Una notte al museo", interpretato dal figlio. In un'intervista 2012 al Daily News, il marito - che interpretava il padre di George Costanza, Frank, in "Seinfeld" - ha affermato sul loro longevo matrimonio: "è durato perché abbiamo gli stessi sentimenti di insicurezza circa l’essere attore. Avevamo bisogno di stabilità”.

© Riproduzione riservata



Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon