Recensione Detroit Metal City: storia di una terribile band death metal

Comics / News - 14 May 2011 09:00

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

"Go to DMC! Go to DMC!! Go to DMC!!!"

Detroit Metal City è uno dei fumetti più divertenti che abbia mai letto negli ultimi anni!!!

Il protagonista, Soichi Negishi, 23 anni, si è trasferito a Tokyo per realizzarsi nella vita: diventare maestro d'asilo e comporre musica pop svedese.

Il destino ha voluto invece che diventasse cantante e leader di una terribile band death metal e che avesse addirittura molto successo tra gli amanti del genere.

Questo gli creerà molti problemi perché il ragazzo sarà costretto a vivere una doppia identità: di giorno sfigato e timido studente universitario che compone musica pop; di sera Krauser, pazzo e demoniaco cantante dei DMC!!

Questo è solo l'inizio.

Ciò che infatti Negishi non aveva previsto, è che il suo alter ego demoniaco prende il sopravvento da un momento all'altro nelle situazioni più disparate ed è come se desse forma ai suoi pensieri più oscuri. Non solo...Sembra anche che quando si travesta da Krauser, sia vittima di una trasformazione radicale, come se avesse una doppia personalità!

Tutto questo dà vita ad una serie infinita di gag assolutamente divertenti soprattutto perché il mondo di DMC è ricco di personaggi assurdi e caricaturali relativi all'universo metal che metteranno a dura prova la vita di Soichi.

La manager del gruppo è una pazza che si eccita ogni volta che li sente suonare e i componenti della band sono dei ragazzi violenti che ovviamente amano mettersi in situazioni pericolose.

DMC è un manga che rompe sicuramente gli schemi oltre che per il linguaggio volgare ed i riferimenti espliciti al sesso e alla violenza anche per lo stile grafico che, nonostante non brilli per elevata qualità, si adatta benissimo al contesto metal del manga.

In Giappone DMC è un best seller, dal quale hanno creato una serie animata, un film e addirittura cd musicali.

In Italia il manga non ha avuto lo stesso successo, ma non può mancare nei vostri scaffali perché se siete amanti del death metal, vi farà morire dal ridere!

© Riproduzione riservata




Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon