12 Strong: intervista a Doug Stanton, autore del libro da cui è tratto il film con Chris Hemsworth

Daily / Drama / Intervista - 29 January 2018 08:00

“12 Strong” è il film con Chris Hemsworth e Michael Shannon: Mauxa ha intervistato l’autore del libro da cui è tratto, Doug Stanton

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

12 Strong è il film di Nicolai Fuglsig nelle sale statunitensi.

Racconta di una Task Force che viene inviata in Afghanistan in seguito agli attacchi dell'11 settembre 2001: la squadra include agenti paramilitari della CIA e soldati addestrati per la guerra non convenzionale. Sono capitanati da Mitch Nelson (Chris Hemsworth), Cal Spencer (Michael Shannon) e Sam Diller (Michael Peña): procedono a cavallo nelle zone impervie fino allo scontro con i talebani.


12 Strong

Il film è tratto dal libro “Horse Soldiers: The Extraordinary Story of a Band of U.S. Soldiers Who Rode to Victory in Afghanistan” di Doug Stanton. Mauxa ha intervistato l’autore.

D. Come è nata l'idea del libro "Horse Soldiers"?

Doug Stanton. Ho scritto altri due libri, “In Harm’s Way: The Sinking Of The USS Indianapolis” and “The Odyssey of Echo Company”. Io sono interessato a storie di persone comuni che sopravvivono in circostanze straordinarie. Chi siamo noi quando dobbiamo prendere decisioni difficili nei momenti più difficili? Questi momenti esistenziali mi interessano. Il sacrificio di persone come Horse Soldiers, le loro famiglie che li sostengono è immenso e merita riconoscimento. Horse Soldiers sono anche chiamati i professionisti silenziosi; essi hanno una formazione straordinaria, ma vivono e lavorano in un mondo di tranquillo anonimato. Ho scoperto i "Horse Soldiers” - che è un nome del mio editor - e li ho approfonditi durante la stesura del libro, anche grazie alla lettura di notizie successive all’11 settembre 2001. Mi sono chiesto quali forze speciali della US Army fossero, e come hanno fatto a giungere in Afghanistan. Ho passato quasi cinque anni a scrivere il libro. Esso mi ha condotto in giro per gli Stati Uniti e l’Afghanistan. Questo è un libro su un piccolo gruppo di persone che fanno quasi l’impossibile in un modo assolutamente unico. Si tratta di un western con il laser.

D. Quindi ti sei documento anche con fonti dirette?

Doug Stanton. Ho viaggiato in Afghanistan e per gli Stati Uniti per incontrare i cittadini afgani e soldati americani con le loro famiglie, per portare alla luce il loro viaggio fisico ed emotivo durante questi eventi immediatamente successivi all’11 settembre 2001. Ciò ha richiesto interviste con quasi tutti gli elementi della missione. Ho passato del tempo con il piloti del 160th SOAR (Reggimento Operazioni Speciali dell’Aviazione, n.d.r.) a Fort Campbell, membri della 10 MTN Division (divisione di fanteria leggera dell'United States Army, n.d.r.), personale operativo speciale del Mac Dill Air Force Base (l’aeronautica statunitense in Florida), Fort Bragg (installazione dell'esercito nella Carolina del Nord, n.d.r.), e Fort Campbell (installazione del Tennessee), che è la sede del 5th Special Forces Group (gruppo di forze speciali tra i più decorati delle forze armate). Ho anche osservato e fatto parte di alcuni momenti della formazione che i soldati eseguono nel corso di un segmento chiamato Robin Sage, in cui gli allievi sono collocati in un gioco di ruolo del campo di guerriglia e devono costruire uno schema e farsi strada nella sfera del gioco, come capo della guerriglia. Il segmento è di 24 ore al giorno e molto credibile ed efficace nel portare alla luce il tipo di scena che si vede nel film in cui Chris Hemsworth prima incontra il generale afghano.



D. Hai collaborato alla sceneggiatura del film?

Doug Stanton. Jerry Bruckheimer e Molly Smith della Black Label Media, il regista Nicolai Fugslig hanno avuto grande cura nel trasporre questa storia in un un film. Durante il lungo processo di sviluppo ho parlato con gli sceneggiatori Ted Tally e Peter Craig, nonché con i produttori. Sono stato sul set, così come lo erano i veri soldati, e altri esperti strettamente associati alla vera missione. I produttori, sceneggiatori e attori si sono focalizzati su ciò che rende questi soldati speciali, addestrati a pensare come i diplomatici e lottare come guerrieri. Questo è un approccio unico per risolvere i conflitti, e la lotta contro la guerra. La missione di “12 Strong” è quello di immaginare agenti della OSS (Office of Strategic Services, servizio segreto statunitense, n.d.r.) scesi dietro le linee nemiche nella seconda guerra mondiale, con il compito di essere abili, dotati di competenze linguistiche e culturali, al fine di unirsi alla resistenza. I soldati a cavallo di “12 Strong” hanno la stessa sfida da affrontare. Come mi ha riferito un generale dell'esercito, la maggior parte delle persone pensarono che ciò era impossibile in una missione. Hanno compiuto in poche settimane quello che molti pianificatori militari realizzano in un anno. Come? Hanno cercato di costruire relazioni con il popolo afghano, combattendo per la causa comune verso un unico obiettivo: la rimozione del controllo talebano in Afghanistan nel 2001. Le persone delle forze speciali possono intendere il conflitto come un problema sociale: si avvicinano al conflitto da più angolazioni. Questo rende il libro e il film una storia su qualcosa di sorprendente e fresco. Non avevano mai veramente permesso ad uno scrittore di entrare nelle loro stanze in cui pianificano le missioni, con attraverso molti mesi di paziente reportage sono stato in grado di ricreare la storia da molti punti di vista diversi.

D. Sei soddisfatto della scelta di Chris Hemsworth e Michael Shannon come protagonisti del film?

Doug Stanton. Chris Hemsworth, Michael Shannon e Michael Pena sono perfetti nel film. L'intero cast ha avuto un gran daffare per conoscere il più possibile le reali forze dei soldati speciali e come ciò avrebbe funzionato. Ogni attore doveva essere fisicamente presente in un film d’azione molto, così come doveva esserlo dal punto di vista emotivo. L’obbiettivo era ricreare il mondo del soldato delle forze speciali, che è al tempo stesso in grado di sparare e muoversi, pensare e comunicare, da persona a persona. La missione era una combinazione di queste due modalità di funzionamento. Come nella vera missione, non tutti gli attori avevano cavalcato dei cavalli, e credo che ci siano stati momenti di pura incertezza dovuto all’impossibilità di sapere cosa il cavallo avrebbe fatto dopo. Ma le Forze Speciali sono addestrate per adattarsi a raccogliere la sfida, così come si vede nel film e come hanno agito nella missione.

D. Hai fondato “National Writers Series”. Di cosa si tratta?

Doug Stanton. La Writers National Series è un Festival dei libri che si svolge tutto l'anno a Traverse City, nel Michigan. È uno dei migliori luoghi d'America per gli autori, dove possono parlare della loro vita e del lavoro. Noi poniamo la storia ben raccontata sul palco, e poniamo le domande: qual è la storia che stiamo esponendo ora? Che cosa si prova ad essere vivo in questo momento? Ho fatto molte interviste, da Tom Brokaw, Lee Child, Margaret Atwood, Gillian Flynn. Ho lavorato come redattore a Esquire, Men’s Journal, Outside magazine’s e sono affascinato da come le persone fanno il loro lavoro, come creano e il modo in cui vivono nelle arti. Queste convenzioni avvengono sul palco, come le conversazioni che si potrebbe avere a tarda notte su un treno in viaggio attraverso il buio, le luci delle case visibili a distanza. In questo tranquillo momento intimo gli autori si rivelano da soli, ci sentiamo vivi. Altre volte, le conversazioni sono come le cene, alle 20:00, quando la conversazione si trasforma in provocatoria, divertente e sorprendente. Ci sentiamo appassionati di scrittura e narrazione e crediamo che i grandi libri ci avvicinino. È possibile ascoltare alcune delle mie interviste su www.nationalwritrersseries.org .

D. Sei mai stato in Italia? 

Doug Stanton. Mi piacerebbe venire in Italia. I miei libri sono stati tradotti in italiano, ma io non ci sono stato.

D. Ho letto che hai giocato a basket con George Clooney, e preso una lezione di recitazione da Harrison Ford: è vero?

Doug Stanton. È vero, ho scritto una cover story su George Clooney, e abbiamo giocato a pallacanestro nella sua casa di Los Angeles. Penso che mi ha lasciato vincere, per essere un buon amico. Ho passato un bel po’ di tempo con Harrison Ford per un'altra cover story e ho volato con lui nel suo elicottero. Come ho già detto, io sono interessato a come le persone svolgono il loro lavoro, e trovo affascinante imparare come creino cose, momenti, cambiamenti. Ho chiesto al signor Ford come faccia ad essere “arrabbiato” nei film. Senza preavviso, ha iniziato a spiegarlo, pronunciando per tutto il tempo delle parole in un tono più arrabbiato, sottile e sorprendente. La lezione è stata una questione di “mostrare” e non “raccontare”. La capacità degli attori di accedere ad emozioni e stati d'essere a volte è fatta a loro insaputa. In questo caso, il signor Ford sapeva sapientemente cosa stava succedendo. Ho studiato recitazione e lo trovo un soggetto del tutto affascinante, il rapporto tra la vita interiore e, nel caso del film, la macchina da presa. Una volta volevo scrivere un libro su di esso. Ma finora non l’ho fatto.

D. Qual è il tuo prossimo progetto?

Doug Stanton. Sto cercando idee per un libro successivo. Sto lavorando nel cinema e in televisione, e pensando ad un nuovo romanzo.

© Riproduzione riservata



Focus
img-news.png

Libri e romanzi da leggere

Libri e romanzi da leggere: interviste, news, gallery, recensioni sui libri thriller, mistery, romantici, biograficiLeggi tutto



Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Advertisement " >