La telecamera che ricorda i movimenti a casa in nostra assenza

Daily / Editoriali - 02 July 2018 10:00

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Il sistema della demotica è uno di quelli di più veloce espansione. Modificare le azioni - come controllare a distanza cosa manchi nel frigorifero per ordinarlo - oppure accende le luci.

Se queste ultime opportunità sembrano poco interessanti - non si comprende perché sia più facile chiedere di accendere le luci che farlo personalmente - la sicurezza è invece quella che salvaguarda le nostre paure.   


Telecamere per la sicurezza domestica

Una delle più recenti tecnologie che permette di effettuare un passo ultore rispetto a ciò che già esiste è Lighthouse, ovvero Faro. È quella la sua funzione, sorvegliare in nostra assenza ciò che avviene a casa e, con un’app richiamare le immagini registrate.

È più intelligente di quelle di Amazon e Google: quest’ultima - Google Home - si sofferma ad ascoltare musica e playlist. Invece con Lighthouse si può chiedere: "cosa stavano facendo i bambini in salotto stamattina?” e il Faro nell’app mostra le registrazioni pertinenti.

Quindi non si configura come tradizionale telecamera di sicurezza domestica, ma un prodotto che sa distinguere con precisione ciò che sta accadendo nel suo campo visivo. Mentre altre telecamere di sicurezza possono registrare video in modo binario quando viene rilevato un movimento, il lato positivo di Lighthouse - ancora non giunta in Europa -  è che non occorre cercare ore di registrazione video per capire cosa sia successo mentre si è lontano da casa.


Un’attenzione particolare è quella posta verso la privacy: si può impostare il feed della telecamera in modo che metta automaticamente in pausa la registrazione quando si torna a casa, e riprenda quando si esce. Un dettaglio che già di per sé le pone oltre oltre altre telecamere.

Tra i miglioramenti che saranno rilasciati nel 2018 ci sono quelli di elaborare richieste più complesse come: "Fammi sapere quando mia madre cade”. Ciò è possibile grazie all’Intelligenza Artificiale che è alla base della progettazione. Con il sensore 3D si riceve una notifica quando ci sono movimenti reali da persone e oggetti di grandi dimensioni - come le porte -  quando si è lontani. Ciò non avviene per ombre o animali domestici. Sa riconoscere i bambini e gli adulti della famiglia, cosicché da non confonderli con altri fisionomie. Sa comprendere se una persona non è in cucina nel momento normale. 

Se si chiede: ”Fammi sapere se i bambini non sono a casa entro le 16:00 nei giorni feriali”, ciò avviene con puntualità. 

Al di là dell’aspetto tecnologico, è una forma di innovazione che rassicura su una delle paure che attualmente dominano la società. Quello di non sapere cosa accada in nostra assenza.

© Riproduzione riservata



Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon