Recensione Jesus Rolls Quintana è tornato

Cinema / Recensione - 16 October 2019 15:15

Con John Turturro, al cinema dal 17 ottobre.

  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Jesus Rolls Quintana è tornato è lo spin off ufficioso del Grande Lebowski voluto da John Turturro - il cult del 1998 dei fratelli Coen, inizialmente snobbato dalla critica, con Jeff Bridges nei panni del Drugo.

Jesus Rolls Quintana è tornato

Jesus Rolls, oggi in anteprima alla Festa del Cinema di Roma, esce in anteprima mondiale domani 17 ottobre nelle sale italiane (in USA, infatti, il film uscirà nel 2020). Scritto, diretto e interpretato da Turturro, il titolo incuriosisce i fan del Drugo. Tuttavia, come in molti hanno notato, il fuoriclasse del bowling Quintana rimane iconico in quella manciata di minuti in cui appare nella commedia dei Coen. Se Turturro stesso è stato l'artefice della popolarità del personaggio scritto originariamente per una pièce teatrale, il nuovo film si appiattisce su resa e contenuti marginali.


Quintana in un remake di un film francese

Jesus Rolls è anche il remake dei Santissimi, film francese del 1974 di Bertrand Blier. Tratto dallo stesso romanzo di Blier, fu considerata a lungo tra le pellicole più controverse del cinema francese. Del cast facevano parte Gerard Depardieu (co-protagonista), Jeanne Moreau, Isabelle Huppert.

Turturro prende Quintana e ne fa un protagonista maturo dei Santissimi. L'effetto nostalgico potrebbe deludere le aspettative. Jesus Rolls, infatti, trascina l'eccentrico protagonista portoricano in un road movie picaresco piuttosto fiacco. 

Interessante risulta il cast formato da Bobby Cannavale, Audrey Tautou, Sonia Braga, Christopher Walker, Susan Sarandon. Anche la colonna sonora con i brani eseguiti dai Gipsy King è un punto a favore dell'impresa di Turturro – il regista ha incontrato parecchie difficoltà produttive. Tuttavia, più che di un'operazione di innesto, uno standalone su Quintana avrebbe meritato, date le premesse, una sceneggiatura originale.


© Riproduzione riservata



Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon