Microsoft Flight Simulator, recensione videogame per Xbox Series X

Games / Recensione - 29 July 2021 14:00

Il simulatore di volo di nuova generazione

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Dopo quasi un anno dal lancio per PC, arriva su Xbox Series X il titolo più next gen disponibile nel mercato console, quel Microsoft Flight Simulator che si pone come il miglior simulatore mai sviluppato.

Microsoft Flight Simulator
Microsoft Flight Simulator non è solo un simulatore fedele e preciso di aerei e velivoli, ma è un proprio e vero simulatore dell'intero mondo terrestre: il team di sviluppo ha messo infatti a disposizione dei giocatori qualsiasi angolo della Terra, visitabile a bordo del nostro aereo, che sia un piccolo Cessna o un Boeing 747. I velivoli sono venticinque in totale, ognuno adatto per varie esperienze di viaggio, con velocità di crociera differenti e possibilità di volare a quote diverse. In tal senso risultano fondamentali i tutorial che spiegano le basi del volo, dall'accensione dei motori al rullaggio, alle fasi di decollo e atterraggio. Il sistema simulativo dietro al prodotto è notevole: anche il livello più semplificato richiede ore di pratica e tentativi, con una mole enorme di personalizzazione per quanto riguarda il livello di difficoltà e realismo. Parliamo di una riproduzione perfetta di ogni abitacolo, con decine di comandi sul cockpit, ognuno con un effetto reale e tangibile sull'esperienza di gioco. Microsoft Flight Simulator è infatti un titolo tanto affascinante quanto complesso, esigente verso il giocatore, che deve dedicare tempo ed energie per padroneggiare al meglio l'aereo su cui sediamo. Insieme alle varie possibilità ludiche entrano in gioco una serie di parametri tecnici, con il meteo in tempo reale, che riproduce qualsiasi condizione meteorologica possibile: anche qui il livello di fotorealismo è estremo, con l'opzione di attivare tempo e meteo in live, che prendono quindi i dati direttamente da ciò che sta succedendo nel mondo reale (sì, anche uragani e tempeste).
La grafica di Microsoft Flight Simulator è un prodigio tecnologico, un lavoro titanico da parte di Asobo Studio, che ha lavorato sul titolo per l'intero Pianeta, letteralmente. Possiamo così scegliere qualsiasi posto da cui partire, visitare ogni angolo della Terra e toccare con le ruote del nostro velivolo qualsiasi pista di atterraggio, dai più grandi aeroporti sino alle più piccole aviosuperfici. La ricchezza di contenuti, in tal senso, è impressionante: parliamo di una perfetta riproduzione di ogni angolo terrestre, un lavoro che si basa su fotogrammetria, rilevazioni dirette da Google Earth e un lavoro di modellazione da parte del team per i luoghi più famosi e di maggior interesse paesaggistico. Chiaramente parliamo di una vastità sconfinata, con l'intero ecosistema terrestre riprodotto, compreso anche di fauna in specifiche regioni, e ogni città e paese sulla faccia della Terra. La qualità, pertanto, non è sempre la stessa: se le aree metropolitane di New York, Tokyo, Londra, Napoli sono rimodellate e piene di dettagli, lo stesso non si può dire di realtà più piccole. Sorvolare ad esempio le regioni italiane, così come altre zone più piccole e locali, ci mette di fronte ad edifici approssimativi e pochissimi luoghi di interesse riprodotti con cura, a volte una copia bidimensionale presa da Google Earth. Tale compromesso grafico è tuttavia inevitabile, considerando la quantità di informazioni riportate e la precisione nelle distanze e nelle tratte di viaggio, una copia uno a uno della realtà, anche per quanto riguarda frazioni e paesi. Tale cornucopia di dati occupa la bellezza di 2000 terabyte, una mole di informazioni che è possibile renderizzare su console solo grazie all'ausilio del cloud, che permette uno streaming in tempo reale di texture ed elementi dello scenario.

© Riproduzione riservata



Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon