Lucy recensione film, Scarlett Johansson è la donna più intelligente del mondo

Cinema / Recensione - 25 September 2014 07:00

Lucy, Luc Besson dirige Scarlett Johansson e Morgan Freeman in un thriller fantascientifico che esplora il lato sopito del cervello umano.

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Lucy film diretto da Luc Besson (il quinto elemento, Nikita), distribuito in Italia dalla Universal Pictures.

Lucy trama. Lucy è una studentessa un po’ ingenua che vive a Taipei e un giorno il suo ragazzo la costringe a consegnare una valigetta ad un criminale, Mr. Jang. Nella valigetta è presente una strana droga blu, e una volta che l’uomo ne ha verificata l’efficacia su un tossicodipendente, decide di sequestrare Lucy e inserirle nella pancia uno dei sacchetti pieni di quella sostanza. L’intento è quello di farla diventare un corriere passivo, ma nel tragitto la ragazza viene picchiata e il sacchetto al suo interno si rompe, riversando l’intero contenuto nel suo corpo. Questo scatena una reazione inaspettata nel suo organismo, infatti Lucy acquista delle capacità incredibili, riuscendo a sfruttare completamente le potenzialità del proprio cervello. Per questo la ragazza cerca aiuto, e lo trova nel professor Norman, neuro ricercatore di fama mondiale. Ma il continuo aumento dei suoi poteri le crea sempre più problemi, mettendo a rischio la sua stessa vita.


Lucy recensione. Luc Besson è stato il vero creatore dell’eroina d’azione femminile. La sua prima femme fatale fu Nikita nel 1990, passando per personaggi storici come Giovanna D’Arco e il premio Nobel Aung San Suu Kyi e di fantasia come Adele (in “Adele e l’enigma del faraone”) e Leelo de “Il quinto elemento”. Oggi torna con un thriller fantascientifico e una nuova donna-killer, Lucy, una ragazza inizialmente molto insicura e indecisa, che riesce a sbloccare il 100% delle capacità del proprio cervello, ottenendo impressionanti superpoteri, come spostare oggetti o leggere nel pensiero. La storia non è tratta da un fumetto Marvel, ma avrebbe tutti gli elementi per esserlo. L’inizio del film è intenso, non ci viene mostrato neanche un minuto di normalità, siamo subito catapultati nel pericolo. Così la protagonista si ritrova immersa in sparatorie e inseguimenti in contromano, altro marchio di fabbrica del regista. Ma il maggiore interesse viene destato dal continuo stato di evoluzione che subisce Lucy, che muta personalità e capacità con il  trascorrere del tempo, ottenendo accesso a conoscenze superiori. Come ammette lo stesso Besson, grande parte del merito per la riuscita del personaggio deve essere riconosciuta a Scarlett Johansson: “ […] Se si guarda alla Lucy dell’inizio e alla Lucy della fine, le due hanno molto poco in comune. Quando arrivavamo sul set, Scarlett era eccezionale. Puoi chiederle qualsiasi cosa e lei dice ‘Okay’. E’ sempre disponibile a mettersi in gioco”. Da sottolineare gli ottimi effetti visivi che permettono di ricreare sullo schermo immagini sensazionali, partendo da un dinosauro, passando per l’australopiteco Lucy (appunto) e giungendo ai cangianti colori dell’universo. Tirando le somme il regista propone un tema molto interessante, prendendo spunto dal più che riuscito Limitless con Bradley Cooper, e restituisce una pellicola dall’alto impatto visivo e adrenalinico, che stupisce grazie anche ai suoi spunti scientifici, poco distanti dalla realtà.

Lucy cast. Scarlett Johansson (Captain America: The Winter Soldier, Don Jon) è Lucy. Morgan Freeman (Now you see me, Oblivion) interpreta il professor Norman, mentre Choi Min Sik (Oldboy, Lady Vendetta) è Mr. Jang.

© Riproduzione riservata



Focus
img-news.png

Scarlett Johansson

Scarlett Johansson, dopo Jojo Rabbit è attesa nel film Black WidowLeggi tutto

Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon