Jack Reacher 2: recensione del film action sull'indistruttibile Tom Cruise

Cinema / Recensione - 19 October 2016 08:00

Edward Zwick dirige il sequel di Jack Reacher, lungometraggio action che vede, accanto al protagonista indiscusso Tom Cruise, anche l'attrice di How I Met Your Mother Cobie Smulders.

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Tom Cruise torna a vestire i panni dell’agente Jack Reacher nel sequel del film omonimo, questa volta diretto da Edward Zwick e affiancato da una compagna d’eccezione, Cobie Smulders.


Jack Reacher – Punto di non ritorno, o meglio Jack Reacher 2, vede la sua trama nuovamente ruotante intorno al suo protagonista assoluto, il Jack Reacher interpretato da Tom Cruise. In questo secondo capitolo Susan Turner (Cobie Smulders), che ricopre l’autorevole ruolo di maggiore dell'esercito che dirige la vecchia unità investigativa di Reacher, viene messa in manette perché accusata di spionaggio. E allora Jack, ben consapevole della sua innocenza, dovrà fare di tutto pur di soccorrerla, finendo per svelare una scomoda verità dietro una cospirazione messa in piedi dal governo. Non solo, Reacher, divenendo un fuggitivo, dovrà fare i conti anche con un segreto proveniente dal suo passato, segreto che potrebbe cambiare la sua vita in modo radicale.

Basato sul diciottesimo libro della serie best-seller a livello mondiale Jack Reacher scritta da Lee Child, Jack Reacher – Punto di non ritorno, ossia Jack Reacher 2, rappresenta il sequel dell’ormai lontano Jack Reacher – La prova decisiva, film del 2012 per la regia di Christopher McQuarrie. Questa volta affidando la regia nelle mani di Edward Zwick, il nuovo capitolo propone una sfida ancora più adrenalinica che solo un super-eroe sarà in grado di affrontare.

Tom Cruise è ancora una volta Jack Reacher, un protagonista che domina la scena, sfrontato e sprezzante del pericolo, come fosse un automa piuttosto che un agente-essere umano. Come fosse un Jason Bourne con meno film al seguito, almeno per il momento, anche Jack Reacher è un agente che si schiera contro azioni governative e, opponendosi da fuggitivo, è chiamato lentamente e progressivamente a prendere coscienza del suo passato e di segreti che potrebbero cambiare il suo modo di vedere il presente.

Ma Tom Cruise non è da solo in questo percorso di scoperta e ricerca costante, scortato da action e adrenalina pura, è supportato anche da una compagna d’azione, la new entry Cobie Smulders, volto più che noto del grande e piccolo schermo, interpretante la Robin Scherbatsky della popolarissima serie televisiva How I Met Your Mother. In Jack Reacher – Punto di non ritorno chiamata ad impersonare il maggiore Susan Turner, Cobie Smulders offre un valido supporto al protagonista, per un sequel che riprende l’idea del primo film, e con essa anche il libro da cui è tratta, per un secondo episodio che approfondisce e permette una continuazione del mito del soldato-agente speciale imbattibile ed indistruttibile.

© Riproduzione riservata




Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon