Injustice 2, recensione videogame per PS4 e Xbox One

Games / Recensione - 18 May 2017 16:30

Injustice 2 è il picchiaduro principe della prima metà del 2017, con i supereroi e i cattivi dell'universo alternativo DC Comics

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Injustice 2 è il videogioco che racchiude al suo interno un intero mondo di personaggi DC Comics, con una storia che esplora linee narrative differenti a quelle dei fumetti, in un’unione che mescola supereroi e villain alternativi. Il seguito del picchiaduro, uscito quattro anni fa, continua la striscia positiva dei titoli sviluppati da NetherRealm Studios, autori in questa generazione dello spettacolare Mortal Kombat X, sotto l’etichetta Warner Bros Interactive Entertainment. L’evoluzione del brand permette una personalizzazione sostanziale delle decine di personaggi disponibili, con un Gear Sysetm che fa a modificare estetica e caratteristiche di ogni eroe.

La storia di Injustice 2 prosegue esattamente dalle vicende dell’ottimo racconto di Injustice: Gods Among Us, una caratteristica non affatto scontata in un picchiaduro, dove, solitamente, il gameplay viene privilegiato rispetto al lato narrativo. L’universo alternativo messo in piedi dagli sviluppatori contrappone Batman alla minaccia di Superman, impazzito dopo la morte della compagna Lois Lane e dell’atteso figlio. Il regime totalitario prefissato dall’eroe kryptoniano è appoggiato da diversi ribelli che, tuttavia, non riescono ad avere la meglio sul Cavaliere Oscuro, venendo catturati e poi rinchiusi in prigione. I filmati di intermezzo si legano perfettamente alle battaglie, con scontri che vedono contrapposti Robin, Batman, Green Arrow contro versioni pericolose e spietate di Superman, Black Adam, Wonder Woman. La trama, articolata in dodici capitoli, viene vissuta dal giocatore attraverso quattro scontri differenti per ogni livello, permettendoci di scegliere la fazione a cui legarsi.



Il gameplay di Injustice 2 rappresenta un riuscito mix fra tecnicismo e facilità di esecuzione, rappresentando in tal senso uno dei picchiaduro più malleabili e immediati disponibili sul mercato. La divisione dei colpi su tre tasti differenzia l’attacco leggero da quello medio e pesante, unito alla carica di una barra che può essere attivata tramite grilletto dorsale, e che permette l’utilizzo della relativa abilità speciale, peculiare per ogni combattente. Il tentativo di svuotare le due barre dell’energia, con cui sconfiggere l’avversario, passa anche attraverso l‘utilizzo dello scenario, distruttibile e con cui interagire per lanciare oggetti ed elementi. Accanto alla modalità campagna fanno la loro comparsa il Multiverso e il Simulatore di Combattimento, una sorta di arcade mode con tanto di boss finale e cutscene conclusive. Per quanto riguarda il lato multigiocatore, insieme al classico matchmaking online troviamo le sfide in locale, ultimo baluardo proprio nei picchiaduro e negli sportivi, insieme ad un sistema di classifiche che riguarda anche la Gilda a cui siamo affiliati.



La grafica di Injustice 2 permette di apprezzare ambientazioni e personaggi del mondo DC Comics in una veste visiva davvero eccellente, grazie ad un lavoro preciso e fedele nella riproduzione di ventotto combattenti. Il carnet di personaggi DC regala una marcata differenziazione in termini di mosse e cura nella rappresentazione, forti anche di un sistema di personalizzazione che va a modificare sia il lato prettamente estetico, con armature e costumi alternativi, che nelle capacità di combattimento degli stessi. Proprio dal punto d vista di mosse e movenze, ogni eroe e villain dispone di uno stile proprio, rendendolo unico rispetto agli altri. La spettacolarità dei combattimenti viene impreziosita da altri due aspetti, tra cui la mossa speciale e l’interazione con lo scenario, distruttibile e che attiva altre zone scagliando l’avversario in determinati punti ambienta

© Riproduzione riservata



Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon