Charlie's Angels, ennesimo reboot per il trio di ammalianti investigatrici

Cinema / Comedy / News - 01 July 2017 08:00

Riuscirà la regista Elizabeth Banks ad aggiornare "gli Angeli di Charlie" e a renderli personaggi più in linea con il trend delle eroine "femministe" che in questi an

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

La Sony Pictures ha confermato che il reboot di “Charlie’s Angels” diretto da Elizabeth Banks (la quale ha debuttato come regista nel 2015 con “Pitch Perfect 2”), uscirà il 7 giugno 2019. Nome della regista a parte, per il momento del film non si sa quasi niente. Si vocifera che Janelle Monáe, che di recente abbiamo potuto apprezzare in “Moonlight” e “Il diritto di contare”, sia in lizza per un ruolo da protagonista, ma si tratta, per l’appunto, solamente di indiscrezioni. Sappiamo però che a riscrivere la sceneggiatura sono stati chiamati Carlo Bernard e Doug Miro, ovvero i creatori dell’acclamata serie tv Netflix “Narcos”.

Charlie's Angels” è un celeberrimo telefilm americano andato in onda sull’ABC dal 1976 al 1981, per un totale di 5 stagioni e 110 episodi. La serie, creata da Ivan Goff e Ben Roberts, mescolava i generi dell’avventura, della commedia e del giallo, e raccontava le vicende di tre giovani investigatrici private di Los Angeles che in ogni puntata si ritrovavano ad eseguire gli ordini del misterioso Charlie. Stagione dopo stagione, le attrici protagoniste – Kate Jackson, Farrah Fawcett e Jaclyn Smith – sono diventate delle vere e proprie icone della cultura pop, guadagnandosi l’adorazione di milioni di adolescenti in tutta America (si pensi al mitico poster di Farrah Fawcett col costume da bagno rosso, di cui sono state vendute all'incirca 12 milioni di copie in tutto il mondo).

Al di là dell’effettiva qualità del prodotto, è innegabile che “Charlie's Angels” trovi tuttora un posticino nell’immaginario popolare, accanto ad altri classici della serialità americana come “Happy Days” e “The A-Team”: lo dimostra la riproposizione ciclica del brand, con risultati più o meno soddisfacenti. Nel 2000 Hollywood decide di produrre una commedia action basata sul telefilm: a dirigerla c’è McG, mentre a formare il trio protagonista troviamo Cameron Diaz, Drew Barrymore, e Lucy Liu. Il film, a fronte di un budget di 93 milioni di dollari, ne incassa in tutto 264, quindi un sequel è inevitabile: “Charlie’s Angels – Più che mai” incassa bene, e si aggiudica ben 5 nomination ai Razzie Awards, gli Oscar dei “film brutti”.

Nel 2011, si tenta invece di riportare gli “Angeli di Charlie” sul piccolo schermo: il remake di “Charlie’s Angels”, prodotto dalla ABC, si rivela però un grosso flop, stroncato dalla critica e dal pubblico, e cancellato dopo soli 4 episodi.

A questo punto, è difficile capire cosa aspettarsi dal reboot di Elizabeth Banks: tutto porta a pensare che si tratterà dell’ennesima modesta pellicola a cavallo tra l’action e la commedia, che il pubblico dimenticherà nel giro di qualche settimana. Allo stesso tempo, non si può ignorare il fatto che il film verrà prodotto in un’atmosfera molto diversa rispetto anche solo a 10 anni fa: il successo, negli ultimi anni, di franchise come quello di “The Hunger Games” ha avviato una tendenzache incoraggia Hollywood a mettere delle donne forti e moderne alla guida dei suoi blockbuster di punta. Basti pensare a Rey e Jyn Erso, le due nuove eroine a cui la LucasFilm ha affidato rispettivamente “Star Wars VII – Il risveglio della forza” e “Rogue One: A Star Wars Story”.

Seppur lentamente e faticosamente, le donne stanno riuscendo a conquistarsi i loro spazi. Questo 2017 è stato già segnato dal successo planetario di “Wonder Woman”, il primo film davvero riuscito del “Cinematic Universe" della DC, e che può vantarsi di essere anche il primo cinecomic diretto da una donna, Patty Jenkins; la risposta della Marvel arriverà nel 2019, con “Captain Marvel”, che ha già trovato la sua protagonista in Brie Larson. Dopo il tentativo, non proprio riuscitissimo, di affidare a quattro attrici il rilancio di "Ghostbusters", ci si prospetta un altro reboot al femminile che, almeno sulla carta, sembra molto promettente: “Ocean’s Eight”, a metà strada tra uno spin-off e un remake di "Ocean's Eleven", arriverà l’anno prossimo, con un cast d’eccezione che può contare sui talenti di Sandra Bullock, Cate Blanchett, Anne Hathaway, Sarah Paulson, Mindy Kaling, Rihanna, ed Helena Bonham Carter.

© Riproduzione riservata



Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon