I Fondatori Di Skype Fanno Causa A Ebay

Daily / News - 24 September 2009 13:26

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Potevamo parlare senza spendere un centesimo, senza aver bisogno del volo trans-oceanico per vedere gli amici. E ora Skype, il sistema che permette a coloro che scaricano il software di video-comunicare gratis tra di loro, rischia di chiudere.Ho un amico italiano, fidanzato con una ragazza di New Jersey che ogni sera si collega un'ora in videoconferenza per parlare, vedere quelli che Petrarca descriveva "duo begli occhi che legato m'ànno". Senza Skype la loro relazione non sarebbe esistita.

 

Ora Skype rischia di chiudere. La storia comincia nel 2005, con la cessione del software di VoIP più popolare al prezzo 2005 di 3,1 miliardi di dollari. A chi fu ceduto? Dal momento che il Skype è gratuito (in pochi lo usano per chiamare fissi e cellulari, essendo tariffe similari ai classici gestori) l'unico modo per guadagnare è la sempiterna pubblicità. Così il colosso eBay lo acquistò nel 2005, sperando di armonizzarlo con l'e-commerce. Ma sai com'è, mentre parli con la tua ragazza, concentrato a sciorinare complimenti, non mi viene voglia di comprare l'ultimo modello di scarpa scontato, il cui banner campeggia sopra il bel volto di lei.

 

Ora Ebay ha deciso di vendere Skype: secondo il NY Times era da tempo in contatto con vari attori della scena tecnologica nel tentativo di "svendere" Skype. Anche Google - che nel 2005 lo bramò - si è tirato indietro, anche per il rischio di conflitto tecnologico-commerciale che il software di VoIP rappresenterebbe per i carrier di telefonia mobile che hanno deciso di installare Android sui loro cellulari brandizzati.

Non solo: i fondatori di Skype, diventati miliardari dopo quella vendita, hanno intentato causa a Ebay. Sostengono che eBay abbia violato la legge sul copyright, modificando il codice alla base del software Skype e cedendolo a terzi. eBay vanta infatti solo una licenza sul codice, non la proprietà, i fondatori hanno intenzione di richiedere - oltre il un provvedimento inibitorio - anche i danni legali, ossia 75 milioni di $ al giorno.

 

Infine, anche Facebook ha creato la chat vocale, che agevolerà i suoi 300 milioni di utenti. Forse per Skype è l'ora dell'addio, il attesa di un software che permetta il tele-trasporto. Gratuito.

© Riproduzione riservata



Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon