Influenza Da Virus A/H1N1, 17 Morti In Italia. Il Piano Del Governo

Daily / News - 04 November 2009 13:46

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Il virus AH1N1 che si è diffuso da marzo 2009 a partire dal Messico in tutto il mondo ha le caratteristiche di 'nuovo' virus dell'influenza e ha dato origine ad una pandemia.

La situazione sulla mortalità in Italia dovuta all'influenza A/H1N1 è la seguente: i decessi sono stati 17, gli contagiati circa 250.000 (con incidenza media di 3,8 persone ogni 1000 abitanti). Per quanto concerne la mortalità, 8 persone sono morte in Campania, 3 in Emilia Romagna, 3 in Lombardia, 1 in Sicilia, 1 in Toscana e 1 in Umbria

Tutti i soggetti deceduti tranne uno presentavano patologie preesistenti. Per un caso sono ancora in corso gli accertamenti

Nel mondo i decessi sono 5.846, in Europa 325.

La produzione del vaccino contro l'influenza A/H1N1 deve percorrere un iter sperimentale ed autorizzativo che, come si sapeva già da qualche anno, richiede dai 3 ai 6 mesi dal momento in cui l'Organizzazione mondiale della Sanità fornisce il ceppo virale pandemico al fine di rendere disponibile un prodotto sicuro ed efficace.

Il piano del ministero prevede che entro la fine di novembre le Regioni avranno ricevuto complessivamente 3.739.351 dosi di vaccino in vari tipi di confezionamento. La distribuzione del vaccino pandemico è iniziata dal 12 ottobre: complessivamente sono state già distribuite 1.395.815 dosi e altre 1.096.980 saranno distribuite nella settimana in corso.

Per ciò che concerne le categorie che saranno vaccinate, saranno il personale sanitario e socio sanitario, le donne al secondo o al terzo trimestre di gravidanza, i portatori di almeno una delle condizioni di rischio di età compresa tra i 6 mesi e i 65 anni, donne che hanno partorito da meno di sei mesi o persona che assiste il bambino, bambini di età superiore a sei mesi che frequentano l'asilo nido, minori che vivono in comunità o istituzionalizzati, soggetti con meno di 24 mesi nati gravemente pretermine, personale delle forze di pubblica sicurezza e della protezione civile.


(Fonte: Ministero della salute)

© Riproduzione riservata



Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon