Matrix, per il direttore delle fotografia la trilogia ha ‘intorpidito la mente e l’anima’

Cinema / Editoriali - 13 August 2020 11:30

Matrix è in streaming su Infinity, Google Play, TimVision e Amazon Prime Video

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

La regista di Matrix Lilly Wachowski in un recente video pubblicato da Netflix ha esplicato che il senso della trilogia dei film era quello di accettare un passaggio verso un’identità transgender: “Questa era l'intenzione originale. Ma il mondo non era ancora pronto. Sono contenta che sia uscito”.

Lilly Wachowski stessa ha rivelato il suo status di transgender insieme a sua sorella e co-regista di Matrix, Lana, dopo l'uscita dei film. Secondo Lilly, nonostante questo sostrato sia stato nascosto, le persone transgender hanno compreso il loro intento e spesso hanno ringraziato le registe. Ha citato Switch, un personaggio del primo film, come rappresentante dell'intento del film di assecondare la trasformazione: nella sceneggiatura originale, il personaggio ha cambiato sesso entrando in Matrix. 


Film Matrix
Ma La Warner Bros. ha bocciato l'idea e ha deciso solo un genere: "Eravamo in uno spazio in cui le parole non esistevano, quindi abbiamo sempre vissuto in un mondo di immaginazione”, ha detto Lilly. Un thread su Twitter di Netflix cita il personaggio principale del film, Neo, come un buon esempio di narrativa trans, passando da Thomas Anderson a Neo durante il suo viaggio.


Le difficoltà delle riprese secondo il direttore della fotografia

Lo stesso direttore della fotografia Bill Pope - che non sarà in Matrix 4 - in una recente intervista con Roger Deakins sul podcast "Team Deakins” ha rivelato che le riprese sono state snervanti. Se con le registe ha creato passaggi rivoluzionari - come l’invenzione del bullet time - poi emersi anche in The Matrix Reloaded e The Matrix Revolutions, le riprese hanno "intorpidito la mente e l'anima". Pope ha confermato che l’entusiasmo della prima esperienza, non è proseguito nelle ultime due: “Non eravamo più liberi. Le persone ti stavano guardando. C'era molta pressione. Nel mio cuore, non mi piacevano. Ho sentito che dovevamo andare in un'altra direzione. C'erano molti attriti e molti problemi personali, e sono apparsi sullo schermo, ad essere onesto con te. Non è stato il mio momento più elevato, né quello di qualcun altro”. Pope ha affermato che le sorelle Wachowski lessero “questo dannato libro di Stanley Kubrick che diceva: ‘Gli attori non recitano in modo naturale finché non li logori'. Quindi vorrei uccidere Stanley Kubrick”, ha ironizzato. Pope ha dovuto assistere a "90 riprese di molte scene”, girando poi "Reloaded" e "Revolutions" uno dopo l'altro, il che ha solo contribuito all'esaurimento della produzione. 276 giorni per Pope conducono ad un “intorpidimento della mente e dell’anima, e del film”.


Matrix 4, le novità sul film

Keanu Reeves, Carrie-Anne Moss e Neil Patrick Harris saranno nel nuovo film Matrix 4, le cui riprese sono state interrotte a causa dell’emergenza dovuta al Coronavirus. Ora che gli attori si apprestano a tornare sul set, Reeves ha recentemente racontato al magazine EW di come si aspetta che le riprese quotidiane siano diverse: “Non so veramente [cosa succederà] perché non ho ancora iniziato. Ma sono sicuro che tutto sarà più lento”.


Non è chiaro se Lana Wachowski tornerà ai personaggi del franchise e alla battaglia tra uomo e macchina, anche perché Neo e Trinity apparentemente sono morti in Matrix Revolutions. Nel cast ci saranno anche Yahya Abdul-Mateen II, Jonathan Groff (Hamilton), Jessica Henwick (Iron Fist) e Priyanka Chopra. Il film dovrebbe uscire il 1 ° aprile 2022. La trilogia di Matrix è disponibile in streaming su, Infinity, Chili, Google Play, Apple TV, TimVision e Amazon Prime Video (a noleggio).

© Riproduzione riservata



Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon