Carnival Row stagione 2, gli aggiornamenti sulla serie tv

Tv / Editoriali - 09 December 2019 11:00

Carnival Row su Amazon Prime Video ha come protagonisti Orlando Bloom e Cara Delevingne

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

La seconda stagione di Carnival Row è stata confermata da Amazon Prime Video. Il rinnovo è stato annunciato nel luglio 2019, prima che la prima stagione fosse in streaming.

L'ultimo episodio della prima stagione ha dato vita alla seconda, con Philo (Orlando Bloom) che abbraccia la sua identità fae, unendosi a Vignette (Cara Delevingne) nel ghetto. E questa novità sarà da approfondire nella seconda stagione. "Uno dei più grandi cambiamenti sismici allo spettacolo stesso avviene alla fine della prima stagione", ha detto il co-showrunner Marc Guggenheim: infatti il fatto che sia un fae - ovvero un essere fatato - non è una scoperta da affrontare serenamente, perché per i fae lui non appartiene in maniera naturale alla loro razza, bensì è un mezzo sangue, senza patria.


Serie tv Carnival Row
“Lui vive in questo tipo di status di Twilight Zone - ha continuato Guggenheim - Per non parlare del fatto che, a causa di questa decisione, ha rinunciato al suo distintivo”. Lui infatti è un detective: “Questo mantello di autorità che aveva un tempo non c'è più. Quindi questa è un'altra cosa con cui lotterà nella seconda stagione".

I protagonisti della serie tv Carnival Row

Lo spettacolo è incentrato su una popolazione di creature mitologiche che lottano per convivere con gli umani dopo che le proprie terre esotiche sono state invase dagli imperi dell'uomo. Alle creature è proibito vivere, amare o volare in libertà, anche se nutrono la speranza che tale situazione possa mutare. Il detective umano Rycroft "Philo" Philostrate e una fata rifugiati, Vignette Stonemoss, s’innamorano e riaccendono la possibilità che la società di Tirnanoc possa divenire più intollerante. Vignette ha un segreto che mette in pericolo il mondo di Philo: una serie di raccapriccianti omicidi che minacciano la pace inquieta di Row.

La prima stagione di Carnival Row si è conclusa con un cliffhangers quindi, poiché i creatori sapevano di avere almeno un'altra stagione in produzione. La città del Burgue è ormai in subbuglio, con l'élite che manovrano giochi di potere omicidi in Parlamento mentre gli abitanti della Fae sono imprigionati nei confusi confini del Row. Philo ora che ha abbracciato la sua eredità Fae ha scelto di rimanere con Vignette, mentre la fuga di Imogen e Agreus probabilmente non sarà così idilliaca come ci si potrebbero attendere.



Quando Orlando Bloom è stato inserito come protagonista della serie fantasy noir, lui ha ironizzato: "Avendo fatto parte di un altro piccolo film di genere fantasy, conoscevo bene l’ambientazione”. Bloom fu infatti l’elfo principe Legolas ne Il Signore degli Anelli di Peter Jackson, e nella trilogia di The Hobbit. “Ma sinceramente mi sentivo come se non avessi mai visto niente del genere prima d'ora. Ero incuriosito da quest'uomo [il personaggio Rycroft Philostrate] che è nato orfano, cresciuto in un orfanotrofio, poi ha prestato servizio nell'esercito ed è diventato un detective di polizia. E ho pensato, ‘chissà cosa accade alla psiche dell’uomo che è cresciuto in istituzioni come un’orfanotrofio".

La trama della stagione 2 di Carnival Row

Anche la seconda stagione continuerà quindi ad affrontare tematiche come quelle della razza, la sessualità, l'abuso di potere, il fatto di essere rifugiati. "È tutto merito del nostro creatore e show runner Travis Beacham - ha detto Bloom - che ha avuto quest'idea geniale circa 20 anni fa, ed è giunta finalmente a compimento. È passato molto tempo, è bello". Per Guggenheim "la difficile situazione degli immigrati è peggiorata molto negli ultimi anni. La storia dell'immigrato è un filo lungo e importante nella narrativa umana. Siamo consapevoli di sostenere uno specchio di ciò che sta accadendo nel nostro mondo”.

Orlando Bloom tornerà quindi come Philo, così come Cara Delevingne come Vignette. Delevingne ha parlato di quanto sia importante il team per questa serie: "Il cast ce l'ha fatta, e ad essere onesti, la squadra e tutti sul set. Il cameratismo, la passione e la cura per ogni dettaglio". Guggenheim ha anche ironizzato sulla presenza di Katy Perry - fidanzata di Bloom - per un potenziale cameo a sorpresa: “Stavo parlando con Orlando (…) In realtà penso che Katy sarebbe una grande fata".

Ci sarà David Gyasi nel ruolo di Agreus, ricco fauno allontanato dall'alta società di Burgue per il suo aspetto e la sua origine. Karla Crome in quello di Tourmaline Larou - amica di Vignette - Indira Varma sarà Piety Breakspear, moglie manipolatrice di Absalom che cerca di custodire l'eredità della sua famiglia che prevede l'uso di un Darkasher. Jared Harris interpreterà Absalom Breakspear, Cancelliere della Repubblica del Burgue e padre biologico di Philo; Tamzin Merchant darà il volto a Imogen Spurnrose, erede che viene coinvolta con Agreus per sostenere il suo stile di vita.

L’ambientazione rimarrà quella in stile vittoriano, con creature mitologiche le cui terre esotiche sono invase dall'uomo. Il problema per la seconda stagione è però che il creatore Travis Beacham - come riportato da Deadline - a ottobre ha lasciato lo spettacolo, citando differenze creative. Dato che Carnival Row è stato adattato da una sua sceneggiatura - apparsa sulla famosa Black List nera di Hollywood nel 2005 - ciò non è di buon auspicio per la direzione che la serie potrebbe prendere. Con la partenza di Beacham, anche Marc Guggenheim ha lasciato come showrunner, consegnando le redini a Erik Oleson (Daredevil).

La prima stagione ha ottenuto un punteggio di approvazione del 55% su Rotten Tomatoes, con la critica che l’ha considerato “bello, ma gonfio: Carnival Row vanta una mitologia meticolosamente realizzata e un succulento mondo scenografico, sfortunatamente la sua storia di avventurieri e non si è spinta abbastanza oltre per creare qualcosa di coerente ".

La seconda stagione sarà in streaming probabilmente da agosto 2020.

© Riproduzione riservata



Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon