Balla coi lupi, il film western di Kevin Costner oggetto di critiche

Cinema / Editoriali - 16 September 2020 10:30

Balla coi lupi è disponibile in streaming su varie piattaforme come NowTv

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

La trama del film Balla coi lupi

Balla coi lupi (Dances with Wolves) è il film di Kevin Costner del 1990 che di recente è stato criticato per alcune scelte narrative. La trama segue la storia del tenente John Dunbar (Costner), un ufficiale che in maniera accidentale guida le truppe dell'esercito dell'Unione fino alla vittoria durante la guerra civile. Dopo essersi trasferito nella deserta frontiera occidentale, Dunbar fa amicizia con la tribù Sioux dei Lakota e trova un nuovo significato nella sua vita, portandolo a scontrarsi anche con i suoi compagni soldati. Qui trova anche l’amore, con la sioux Alzata Con Pugno (Mary McDonnell).


Film Balla coi lupi

Le critiche al film Balla coi lupi

La pellicola è stata vittima di un revisionismo che lo porta ad essere annoverato tra le pellicole che mostrano un’immagine distorta delle minoranze. Secondo il magazine Filmschoolrejects.it Il focus su un protagonista maschio bianco che entra nel mondo pre-americanizzato dei Lakota, è come se evidenziasse il "complesso del salvatore bianco”. Inoltre esso non mostrerebbe nessuna soluzione reale ai problemi urgenti che devono affrontare i Lakota, concentrandosi invece sui sommovimenti emotivi del protagonista John Dunbar, il quale appare sviluppato narrativamente al contrario dei Lakota. Per il magazine Screenrant è il film western più sopravvalutato degli anni ’90, perché è “fuorviante, offensivo e ottuso”.


Il successo del film Balla coi lupi

In realtà il film ha incassato 424 milioni di dollari, e ha vinto l’Oscar nel 1990 battendo il più sovversivo Quei bravi ragazzi (Godfellas) di Martin Scorsese. Gli altri Oscar sono per la migliore regia di Kevin Costner, sceneggiatura adattata (dall’omonimo romanzo di Michael Blake), montaggio, fotografia, colonna sonora originale e mixaggio audio. Ad essi si aggiunge il Golden Globe per il miglior film drammatico. È stato scelto per essere conservato nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti. Quindi l’opinione del pubblico era che in quel periodo storico tale modo di mostrare le divergenze tra americani e Sioux era credibile e veritiera.



Per via del successo del film e del trattamento riservato ai nativi americani, gli stessi Sioux adottarono Kevin Costner come loro membro onorario. Tra le varie curiosità c’è il fatto che Kevin Costner ha girato tutte le scene a cavallo, comprese le cavalcate senza sella e le scene in cui spara senza tenere le redini mentre caccia il bisonte. La prima versione del film durava 5 ore e mezza, ma è stata realizzata una versione di 3 ore per l'uscita nelle sale: la director cut fu distribuita in seguito. Durante la scena in cui il bufalo carica Ride Coi Denti (Nathan Lee Chasing), sta realmente mirando a una pila di biscotti Oreo. La produzione ha speso 250.000 dollari per costruire un bisonte animatronico per la famosa scena di caccia: la sequenza ha richiesto 10 pick-up, 24 nativi americani a cavallo senza sella, 150 comparse, 20 pastori, 25 bisonti artificiali e 7 macchie da presa, per un totale di otto giorni di riprese. Nella scena di apertura, il gesto di Costner che apre le braccia durante la sua corsa è stato improvvisato dall'attore, che ha colto di sorpresa anche il coordinatore degli stunt.

Il film è disponibile in streaming su NowTv, Infinity, TimVision, Google Play, Microsoft, Store, PlayStation Store, iTunes.


© Riproduzione riservata



Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon