Recensione Il dubbio - Un Caso di coscienza di Vahid Jalilvand, premiato a Venezia

Cinema / Recensione - 08 May 2018 08:00

In sala dal 10 maggio.

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Il dubbio - Un caso di coscienza (No date, no signature) è il film di Vahid Jalilvand premiato al Festival di Venezia. Il regista iraniano sa indubbiamente il fatto suo dietro la macchina da presa: il film è un medical drama con una verità da scoprire, o meglio (provocatoriamente) da interpretare. Il finale, infatti, offre il respiro necessario per rileggere l'opera daccapo, grazie agli interrogativi sollevati.

Il dubbio - Un caso di coscienza

Kaveh Nariman (Amir Agha’ee) è uno stimato medico legale di Teheran. Sta tornando a casa dal lavoro quando, colpito da un'auto durante un sorpasso maldestro, sbanda urtando un motorino.
A bordo ci sono Moosa (Navid Mohammadzadeh), la moglie Leila (Zakiyeh Behbahani) e i due figli. Ad attirare l'attenzione del medico, sono le condizioni del piccolo Amir che ha otto anni. Niente di grave, ma Kaveh vorrebbe vederci chiaro e insiste per una visita in ospedale. Moosa, invece, vorrebbe chiamare la polizia, ma il medico ha l'assicurazione scaduta. In cambio di soldi, si fa promettere dal capofamiglia un controllo.

Invece, Moosa non svolta versa la via che conduce al pronto soccorso. La famiglia se ne va per la propria strada per imboccare quella stessa via con il figlio Amir cadavere poche ore dopo. Gli esami parlano chiaro: il bambino aveva una intossicazione alimentare letale, il botulismo. Moosa ricorda di avere comprato una carogna di pollame a prezzo stracciato. È un indigente e ignorava il rischio. Dopo la verità dell'autopsia, sarà un indiziato per omicidio premeditato.

Anche il medico non si dà pace. È convinto che la causa della morte del bambino sia dovuta a un'emorragia o una frattura dovuto all'incidente notturno. Il film procede per indizi e interrogativi leciti.

I dialoghi sono essenziali, in funzione di una sceneggiatura onesta. Diverse le sequenze importanti. E tra queste, quella di un pianto disperato per un lutto anzitempo: lo strazio è tale da scuotere l'armonia del creato. Un caso di coscienza rappresentato nelle molteplici contraddizioni. 

© Riproduzione riservata



Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon