Marco Mengoni, toni intimisti connotano il nuovo intenso album 'Le cose che non ho'

Daily / News - 03 December 2015 13:00

Il nuovo album di Marco Mengoni si intitola "Le cose che non ho" e uscirà il prossimo 4 dicembre su etichetta Sony Music. Il cantautore sarà ospite della semifinale della nona

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Il nuovo album di Marco Mengoni si intitola “Le cose che non ho” e uscirà nei negozi e su tutte le piattaforme digitali il prossimo 4 dicembre su etichetta Sony Music. Il secondo capitolo del nuovo progetto discografico del cantautore segue la scia del successo di “Parole in circolo”, il primo volume multiplatino pubblicato lo scorso gennaio.


Nel corso della conferenza di presentazione dell’album, Marco Mengoni ha sottolineato l’importanza significativa del titolo: “Le cose che non ho” è il titolo che ho scelto per ricordare a tutti, ma prima di tutti a me stesso, quanto sia importante sapersi guardare dentro - ha spiegato l’artista - imparare a godersi gli attimi della vita, i singoli momenti che compongono una giornata, e - nel mio caso- la fortuna che mi è capitata di fare ogni giorno quello che più mi piace. E’ una delle ballad più importanti del disco e anche per questo ho voluto che fosse la title track dell’album.”

Il primo singolo estratto è “Ti ho voluto bene veramente”, brano che ha riscosso un grande successo confermando la proficuità della collaborazione tra il cantautore e Fortunato Zampaglione. La canzone ha esordito alla prima posizione della classifica FIMI Top Digital, il video ufficiale diretto da Niccolò Celaia e Antonio Usbergo ha superato 13 milioni di visualizzazioni.

Il nuovo album contiene “Parole in circolo”, il brano che ha dato il nome al nuovo progetto discografico di Marco Mengoni e che rivela l’essenza della fase artistica del cantautore. Scritta insieme a Rory Di Benedetto (con il quale ha firmato anche “Ricorderai l’amore”, “Resti indifferente” e “Dove siamo”) e Maurizio Musumeci, la canzone rispecchia il pensiero di Marco Mengoni: “Quante cose fai che ti perdi in un attimo, quanti amici hai che se chiami rispondono, quanti gesti fai per cambiare in meglio il mondo…Libero libero libero mi sento libero”.

“Le cose che non ho” prevede la nuova collaborazione con Antonio Filippelli, che insieme a Ermal Meta e Marco Mengoni, ha partecipato alla realizzazione di “Nemmeno un grammo”, brano che segna il debutto del cantautore in una interpretazione rap hip-hop.

Nell’album è presente anche “Rock bottom”, brano composto da Sia Furler. Si tratta dell’unica canzone in inglese del progetto discografico di Marco Mengoni, scritta appositamente per il cantautore al fine di esaltare le sue qualità vocali. “E’ un grande privilegio quello di poter collaborare con gli artisti che si stimano di più – ha dichiarato Marco Mengoni - Considero Sia la più interessante cantautrice pop del momento. Apprezzo moltissimo il suo modo di comporre e trovo che il suo gusto sia straordinariamente affine al mio nella costruzione di alcune sonorità”.

Tra le altre collaborazioni che caratterizzano il nuovo album "Le cose che non ho" c'è quella con Giuliano Sangiorgi, autore di testo e musica del brano “Solo due satelliti”, che presenta anche un cameo della sua voce. “Trovo che i duetti debbano nascere da una relazione “reale” tra le persone” - sostiene Marco Mengoni - “Sono ammirato da coloro che riescono a duettare “a distanza”. Per me la voce è uno strumento che si nutre di sangue, forza e passione e trovo che sia importante riuscire a stabilire un’armonia vocale che solo una reale interazione può dare. Giuliano mi ha fatto sentire alcuni suoi brani. Mi piacevano tutti ma Solo due satelliti mi ha colpito veramente e ho capito subito, sentendola nel provino ‘pianoforte e voce’, che si sarebbe inserita perfettamente nel racconto del disco”.

Marco Mengoni sarà ospite della semifinale della nona edizione di X Factor, in onda questa sera su Sky Uno. Nel 2009 il cantautore vinse la terza edizione della versione italiana del talent show, successo che inaugurò la sua ascesa nel panorama musicale nazionale.

© Riproduzione riservata



Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon