Cannabis, internet è il luogo dove i giovani acquistano droghe e sostanze stupefacenti

Daily / News - 19 May 2014 13:03

La Cannabis è una delle sostanze più utilizzata da giovani: il dato emerge da una ricerca del Cnr di Pisa. Il metodo per l'acquisto è spesso internet, dove vengono acquistate anch

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Cannabis, droga ed eroina sono alcune delle sostanze che i giovani usano di più. È quanto emerge dal volume “Consumi d’azzardo: alchimie, normalità e fragilità” edito dal Consiglio nazionale delle ricerche (Ifc-Cnr) di Pisa.

Cannabis. La ricerca è stata condotta da Arianna Cutilli, Sabrina Molinaro e Roberta Potente, della Sezione di epidemiologia e ricerca sui servizi sanitari dell’Istituto di fisiologia clinica. Il risultato è che la cannabis è la sostanza più utilizzata, seguita da cocaina e droghe. “Il 17% ha già un comportamento a rischio di dipendenza - ha sottolineato la Molinaro - a destare preoccupazione non è solo l’incremento, bensì anche la tendenza a improvvisarsi ‘alchimisti’, mescolando sostanze e principi psicoattivi con effetti sconosciuti, stimolanti, allucinogeni, smart drugs, cannabis, eroina, cocaina”.

Altre droghe. Se in Italia nel 2013 seicentomila studenti hanno usato la cannabis, di questi ben centomila hanno usato anche altre sostanze, “pari al 4,3% dell’intera popolazione studentesca. E un terzo di questi ne fa un uso consistente, moltiplicando i rischi associati all’assunzione”.

Cocaina. La sostanza viene consumata soprattutto nell’Italia centrale e meridionale, mentre i dati del nord sono stabili dal 2005. La maggior parte degli utilizzatori sono ragazzi, ma anche le giovani si stanno avvicinando all’uso: un terzo di chi l’ha provata tra le donne aveva tra i quattordici e 15 anni. Per quanto riguarda l’eroina, è stata utilizzata dal’1,2% degli studenti.

Internet. Il 2,8% degli stenti ha usato altri stimolanti, il 2,5% allucinogeni. Internet è uno degli strumenti dove vengono recuperate le sostanze, tanto che l’1,2% degli studenti hanno usato smart drugs, le droghe ‘furbe’ perché commercializzate come prodotti naturali.

Gioco d’azzardo. Il gioco d’azzardo segna invece un calo, nonostante la facilità d’uso grazie ad internet. “Dopo un andamento di crescita fino al 2008, negli ultimi 5 anni si è registrato un calo di interesse”.

© Riproduzione riservata



Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon