Banksy Torna A Bristol

Daily / News - 17 June 2009 13:17

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Banksy e' tornato a Bristol per inaugurare la piu' grande esposizione della sua opera mai vista finora. L'intero progetto e' stato avvolto nel mistero fino a venerdi' scorso, alla vigilia dell'avvenimento. 
Piu' di un centinaio di capolavori, una settantina di inediti. Si rumoreggiava Los Angeles, New York, Londra... e invece l'artista e' tornato nella sua citta' natale per ospitare l'evento. 
"Questa mostra e' la mia visione del futuro" ha rivelato Banksy alla BBC.
Writer inglese di culto, Banksy si affaccia alla street art alla fine degli anni '80. 
Nel 1998 organizza il celeberrimo Walls On Fire che raduna artisti da tutta Europa e lo catapulta sulla scena internazionale.
Famoso per intruffolarsi nei musei piu' importanti del mondo e "sistemare" le sue opere accanto alle altre. E' capitato che passassero ore, giorni, prima che venissero scoperte. Viene da chiedersi in chissa' quante gallerie d'arte sparse sul pianeta il genio di Banksy presenzia ancora immacolato. I suoi graffiti, irriverenti e dissacranti, sono spesso accompagnati da slogan provocatori e caustici. Per lungo tempo e' stato considerato come un graffitaro che imbrattava l'urbanistica londinese con i rats (topi), oggi i suoi lavori sono venduti a cifre esorbitanti. Moltissime le opere (e le imprese) memorabili: il murales con gli attori di Pulp Fiction che al posto delle pistole impugnano banane, l'immagine a grandezza d'uomo di un detenuto di Guantanamo Bay "postato" a Disneyland, i murales sulla Israeli West Bank Barrier (la barriera di separazione israeliana costruita per ostacolare l'intrusione di terroristi nel territorio nazionale) con squarci paradisiaci e tropicali nel futuro di bambini che giocano.

 

 

© Riproduzione riservata



Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon