San Valentino Di Sangue 3-D - Tanta Tecnologia Per Nulla

Cinema / News - 15 May 2009 20:39

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Remake di Bloody Valentine, slasher-movie dell'81 diretto da George Mihalka e film cult per Quentin Tarantino, San Valentino di sangue 3-D di Patrick Lussier poteva essere una grande opportunità, non sfruttata adeguatamente, di coniugare la tecnologia 3-D ad uno dei generi che più ne valorizzano le potenzialità, come quello horror. Nella realtà questo film, (che nel primo week end ha incassato  1.723.091 Euro, mentre Star Wars 851.856) anziché far tremare dalla paura, a tratti fa ridere per la prevedibilità della trama e, anziché provocare disgusto verso i molti corpi fatti a pezzi dal killer, lascia indifferenti per la palese finzione di quelle riproduzioni di braccia, occhi, toraci squartatii. A tratti comico, laddove dovrebbe suscitare uno stato di tensione, risulta addirittura noioso con una sequela di omicidi tutti uguali: stessa arma, identiche situazioni, prevedibili quanto stupide decisioni delle vittime che, come dettano le regole del genere horror elencate nell'interessante Scream di Wes Craven, scelgono sempre le vie più buie e che non lasciano vie d'uscita dimenticando il comune senso di sopravvivenza e compiendo azioni totalmente prive di senso. E' un vero peccato perché la situazione di partenza e l'ambientazione potevano essere interessanti: una cittadina di provincia in cui tutto ruota attorno ad una lugubre miniera in cui si sono consumati efferati omicidi, un passato da superare e un serial killer (il minatore Harry Warden) da dimenticare. Se poi uniamo a tutto questo torbide vicende sentimentali e una sperduta casa nel bosco il successo sembra assicurato. Ma il film non decolla e anzi delude nel non riuscire mai a creare una vera suspence, né una qualche identificazione con i personaggi che lasciano indifferenti e della cui sorte poco interessa. Poco si può attribuire agli attori principali, molti dei quali visti in famose serie tv e telefilm (Jensen Ackles lo abbiamo visto in Dark Angel, Smallville, Supernatural, Settimo cielo e Dawson's Creek, Jaime King in Blow, Pearl Harbor e Sin City, Kerr Smith in Final Destination, Baywatch, CSI: Crime Scene Investigation e Dawson's Creek), mentre la colpa è da attribuire ad una sceneggiatura fatta di dialoghi banali e di scene veramente improbabili come quella, totalmente inutile, della ragazza che esce tutta nuda da un motel per vendicarsi dell'amante che l'ha appena scaricata e che incontra così, senza veli, il minatore killer dal quale deve scappare. Poco allora può fare la tecnologia 3-D con il piccone che sembra scagliartisi contro e la tridimensionalità dei bui cunicoli di fronte a una tale mancanza di verosimiglianza.  

SAN VALENTINO DI SANGUE 3-D - Titolo originale: My Bloody Valentine 3-D. Regia: Patrick Lussier. Sceneggiatura: Todd Farmer, Zane Smith. Fotografia: Brian Pearson Musiche: Michael Wandmacher. Interpreti: Jensen Ackles, Jaime King, Kerr Smith, Kevin Tighe, Edi Gathegi, Tom Atkins, Betsy Rue, Megan Boone, Karen Baum, Joy de la Paz, Todd Farmer, Jeff Hochendoner, Bingo O'Malley, Liam Rhodes, Selene Luna, Brandi Engel, Marc Macaulay. Genere: Horror. Durata: 101 min. Nazione: USA 2009. Distribuzione: Medusa. Data uscita: 08/05/2009. - VM 14 



© Riproduzione riservata



Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon