Riforma Del Settore Cinema: Bondi Respinge Accuse, Orfini Ribadisce L'Esistenza Dei Tagli

Cinema / News - 20 May 2010 09:52

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Riguardo la protesta di ieri a Cinecittà sui tagli pubblici al settore cinema, il Ministro Sandro Bondi ribadisce che è "legittima" ma, allo stesso tempo "infondata". "Legittimamente oggi il Pd

protesta contro il governo, accusato di perseguire politiche punitive verso la cultura e il cinema. Rispetto questa posizione, anche se la ritengo infondata. Reputo infatti di aver fatto a favore del cinema piu' di qualunque altro mio predecessore, portando a compimento ad esempio tra mille

difficolta' gli incentivi fiscali per il cinema, i quali stanno producendo risultati estremamente positivi per tutto il comparto (...) il mio obiettivo e' (...) quello di liberare la cultura e il cinema in particolare da ogni condizionamento da parte della politica e dello Stato, come fin qui e' avvenuto"

 

Ribatte Matteo Orfini, della segreteria del Pd e responsabile: "Bisogna ricordare che gli incentivi fiscali (tax credit e tax shelter) per il cinema italiano esistono grazie all'iniziativa del governo Prodi nel 2008. (...) Se è vero che il ministro ha in mente una proposta nuova per l'industria cineaudiovisiva ci chiediamo come mai, intanto, continui nella prassi di frammentare e depotenziare l'esistente a colpi di decreti legge e altre opinabili misure di urgenza che hanno prodotto comunque un allentamento delle regole sulla trasparenza dell'assegnazione dei

contributi pubblici".

© Riproduzione riservata




Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon