Festival Di Berlino. Con Jud Suss Riemerge Il Nazismo

Cinema / News - 17 February 2010 17:53

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Domani alla Berlinale sarà proiettato Jud Suss - Rise and Fall, del regista tedesco Oskar Roehler: la vicenda narrata è quella dell'attore austriaco Ferdinand Marian, il capitolo più ignobile della cinematografia tedesca. Nel 1939 il ministro nazista della Propaganda, Josef Goebbels, aveva incaricato il regista Veit Harlan di girare un film sulla figura di Jud Suss Oppenheimer, il consulente finanziario ebreo del duca Karl Alexander del Wurttemberg, impiccato il 4 febbraio 1738, un anno dopo la morte del suo protettore con l'accusa di alto tradimento, corruzione, appropriazione indebita e stupro di una donna di fede cristiana. Goebbels aveva dovuto optare per Marian dopo che Gustav Grundgens ed Emil Jannings, due attori tedeschi avevano rifiutato.

 

Rafi Pitts presenta  The hunter - Il cacciatore: attraverso la ribellione di Alì, che fugge verso la foresta, lontano da Teheran, dopo che la moglie e la figlia sono state uccise per sbaglio durante uno scontro tra dimostranti e polizia. Pitts racconta la tensione dell'Iran odierno, il clima avvelenato che serpeggia. "Abbiamo girato durante l'ultima campagna elettorale - dice Pitts - le riprese sono finite immediatamente prima della diffusione dei risultati, le similitudini tra quello che accade sullo schermo e quello che è poi davvero successo in Iran hanno quindi qualcosa di misterioso. Credo però che l'energia dei giorni precedenti al voto si sia mescolata al film".

 

Intanto è stato lanciato Berlinale Talent Campus, nuovo portale internet per critici cinematografici: www.talentpress.org . L'obbiettivo è pubblicare tutte le recensioni dei giornalisti - anche delle edizioni passate - presenti alla Berlinale. "Questo nuovo sito sarà disponibile un forum dove i giovani, di talento giornalisti cinematografici internazionali possono pubblicare le loro opinioni indipendenti sulla loro ultime scoperte nel cinema internazionale" dicono Christine Tröstrum e Matthijs Wouter Knol, coordinatori del Campus.

© Riproduzione riservata




Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon