Starfield, anteprima videogame per Xbox Series X

Games / Editoriali - 24 June 2021 14:00

Il futuro dei giochi di ruolo

image
  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Starfield è il videogioco più ambizioso di Bethesda degli ultimi anni, il risultato decennale di tutto il know how e le idee partorite e desiderate da Todd Howard, mente degli ultimi The Elder's Scrolls e Fallout. La potenza della nuova Xbox Series X|S è finalmente il porto ideale di tutto quello che voleva e dovrà essere Starfield, esperienza open world alla Skyrim, qui declinata in formato sci-fi, un salto avanti, nel futuro dell'umanità, di trecento anni.

Starfield
Starfield ha l'intenzione di raccogliere l'eredità dei grandi open world di Bethesda e declinarla in un RPG futuristico estremamente vasto e aperto, che riprenda la filosofia di scoperta ed esplorazione spaziale della NASA e delle missioni planetarie. L'indole realistica sembra già trasparire dal primo trailer del gioco presentato all'E3 2021 nello showcase Microsoft, dove si vede la nostra astronauta impegnata ai comandi di una navicella spaziale; l'ambientazione è quella di un pianeta roccioso e apparentemente disabitato, con solamente il nostro robot di supporto a camminare sulla superficie. Starfield è il primo titolo della software house a sfruttare il Creation Engine 2, il nuovissimo motore grafico proprietario che, a detta di Todd Howard, segnerà un balzo tecnico generazionale più ampio di quello che passò da Morrowind ad Oblivion. Il colpo d'occhio è, in effetti, molto di impatto, con cinematiche in engine che mostrano una modellazione molto morbida e dettagliata, insieme ad una palette cromatica fotorealistica.
Dal punto di vista della tipologia di gioco ancora poco sappiamo del titolo, che sicuramente avrà un sistema da gioco di ruolo profondo e stratificato, con abilità da apprendere e potenziamenti, che investiranno probabilmente sia l'equipaggiamento del protagonista, sia della nave e del robot di supporto Vasco. La progressione dovrebbe prevedere l'esplorazione di pianeti e città, insieme a sezioni in viaggio nello spazio, una caratteristica che mescola due differenti gameplay, tra fasi a terra e fasi in volo. La linea temporale spostata avanti di 300 anni permette agli sviluppatori di creare un futuro possibile, con avamposti, terraformazioni, città, capace quindi di intrecciare fantasia e realtà. Quello che di certo sappiamo è che Starfield potrà essere giocato sia in prima che in terza persona, come da consuetudine Bethesda, e che la data di uscita ufficiale è prevista per il prossimo 11 novembre 2022, al day one su Gamepass.

© Riproduzione riservata



Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon