Le Cronache di Narnia - La sedia d’argento, gli aggiornamenti sul film

Cinema / Editoriali - 05 October 2018 10:00

Netflix ha acquistato i diritti dei libri anche per la serie tv

  • CONDIVIDI SU
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon

Le Cronache di Narnia - La sedia d’argento (“The Chronicles of Narnia: The Silver Chair”) è il film fantasy le cui riprese sarebbero dovute iniziare nell’estate 2018, ma che si sono arenate.

Il sequel della saga cinematografica su Narnia, ispirata ai libri di CS Lewis potrebbe subire dei ritardi a causa di una notizia emessa in queste ore, ovvero l’annuncio di Netflix di volere sviluppare  nuove  serie TV di The Chronicles of Narnia e progetti cinematografici. Secondo i termini di un accordo pluriennale tra Netflix e The CS Lewis Company, Netflix produrrà storie classiche da tutto l'universo di Narnia: "Le famiglie si sono innamorate di personaggi come Aslan e l'intero mondo di Narnia - ha dichiarato il capo dei contenuti di Netflix, Ted Sarandos - e siamo entusiasti di essere la loro casa per gli anni a venire".


Le cronache di Narnia

La sceneggiatura di Le Cronache di Narnia - La sedia d’argento

A questo punto ci si chiede che fine faccia la sceneggiatura scritta da David Magee, autore dei primo due film insieme a Christopher Markus e Stephen McFeely, nel 2017 affermò: “Siamo davvero sicuri che questo film sarà esattamente quello che volevamo fare prima di iniziare le riprese. E stato così con  Life of Pi,  Finding NeverlandMary Poppins Returns e ora  Narnia, Ho lavorato a stretto contatto con il regista e i produttori e generalmente lo faccio fin dai primi giorni delle riprese”.

Sulla struttura del film affermò che The Silver Chair era una storia indipendente: "Eustachio era nell'edizione precedente, ma non ho bisogno di dedicare molto tempo a capire cosa è successo in  The Voyage of the Dawn Treader, quindi è indipendente e ha un inizio, una parte centrale e una fine. Bello, ha una struttura in tre atti”. 

Ricordiamo che  Eustachio Scrubb (Will Poulter nel film) è il cugino dei protagonisti dei film precedenti, Peter, Susan, Edmund e Lucy: lui fa il suo primo ingresso nel mondo magico e fantastico di Narnia, un luogo in cui entrano i quattro bambini grazie ad un armadio, imparando il loro destino e liberando il luogo dalla Strega Bianca (Tilda Swinton) con la guida di un leone mistico. I film sono “Le cronache di Narnia: Il principe Caspian” (2008) e "Le cronache di Narnia - Il viaggio del veliero” (2010). 

David Magee aveva anche affermato che in quella sceneggiatura era fondamentale "indagare le singole scene: quanto sia importante questa scena, quanto vogliamo entrare in questo aspetto, oppure spostarlo durante questa sezione perché è qualcosa che abbiamo visto prima (…) c'è un motivo per cui ci vogliono tre anni solo per arrivare al punto in cui sei pronto per iniziare a girare”.


Netflix e Le cronache di Narnia

Con questo accordo con Netflix tutte le serie e i film prodotti saranno di proprietà dell’azienda, con Mark Gordon di Entertainment One (eOne) al fianco di Douglas Gresham e Vincent Sieber come produttori esecutivi. In totale i libri di Narnia hanno venduto più di 100 milioni di copie e sono stati tradotti in più di 47 lingue: l'accordo segna la prima volta che i diritti su tutti e sette i libri dell'universo di Narnia sono detenuti dalla stessa società.

"È meraviglioso sapere che gente da ogni parte del mondo sia impaziente di vedere le vicende di Narnia, e che i progressi nella tecnologia di produzione e distribuzione ci hanno reso possibile far sì che le avventure di Narnia prendessero vita in tutto il mondo", ha detto Douglas Gresham, nipote di CS Lewis. "Netflix sembra essere il mezzo migliore con cui raggiungere questo obiettivo e non vedo l'ora di lavorare con loro per raggiungerlo”. Si è aggiunto Mark Gordon, il quale ha ribadito che "Narnia è una di quelle proprietà rare che si estendono su più generazioni e aree geografiche (…) Siamo impazienti di iniziare le molteplici produzioni che speriamo di intraprendere”.

È quindi probabile che nello stile editoriale di Netflix si azzereranno i sequel messi finora in cantiere, per dedicarsi ad un riavvio della saga. Nel 2014 acquistò i diritti per A Series of Unfortunate Events e ha scelse di intraprendere la storia dall'inizio piuttosto che continuarla dove il film del 2004 l’aveva lasciata.

© Riproduzione riservata



Seguici su

  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon
  • icon