X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Giovanni Verga, i Malavoglia nella storia del peccato e del coraggio

08/01/2012 08:16
Giovanni VergaMalavoglia nella storia del peccato del coraggio

L'uscita in formato Kindle de Una peccatrice di Verga amplia la sua visione della natura umana

Desiderare di avere un’imbarcazione di lumini, per poter lavorare senza costrizioni. Gettarsi in un’avventura che racchiude tutte le speranze dei giorni. La famiglia Malavoglia nell’omonimo romanzo del 1881 lo fa, investe nella nave Provvidenza tante forze da risultarne spossata: Provvidenza che era la più vecchia delle barche del villaggio, ma aveva il nome di buon augurio. Maruzza se ne sentiva sempre il cuore nero, ma non apriva bocca, perché non era affar suo, e si affaccendava zitta zitta a mettere in ordine la barca e ogni cosa pel viaggio, il pane fresco, l'orciolino coll'olio, le cipolle, il cappotto foderato di pelle, sotto la pedagna e nella staffetta” (Cap. I).

Questa è in sintesi la trama de I Malavoglia (anche in ebook) e la recente pubblicazione in formato Kindle (per la General Books LLC) di un altro romanzo di Giovanni Verga, Una peccatrice (1865, disponibile anche in cartaceo) mette in luce lo stesso messaggio di espiazione. Anche qui la trama è quella di uno studente che si innamora di una donna sposata, Narcisa Valderi investendola delle proprie passioni letterarie, stancandosi poi di lei tanto da indurla al suicidio.

Così le sorti che dovrebbero rimanere distanti si avvicinano. Un temporale distrugge la Provvidenza, inabissandola e facendola riemergere malconcia, mentre il vecchio Padron ‘Ntoni, che tutta la vita l’aveva dedicata ad essa la osserva impotente:La Provvidenza l'avevano rimorchiata a riva tutta sconquassata, così come l'avevano trovata di là dal Capo dei Mulini, col naso fra gli scogli, e la schiena in aria. In un momento era corso sulla riva tutto il paese, uomini e donne, e padron 'Ntoni, mischiato nella folla, guardava anche lui, come gli altri curiosi. Alcuni davano pure un calcio nella pancia della Provvidenza, per far suonare com'era fessa, quasi non fosse più di nessuno, e il poveretto si sentiva quel calcio nello stomaco”.

Sarà colpa della sorte, della sfortuna. In realtà è la superficialità della famiglia Malavoglia, nonché dello stesso padron ‘Ntoni ad aver causato ciò: il buon senso dice che con una nave malandata non ci si spinge al largo, soprattutto che i lupini non dovrebbero essere avariati per venderli. Padron 'Ntoni adunque, per menare avanti la barca, aveva combinato con lo zio Crocifisso Campana di legno un negozio di certi lupini da comprare a credenza per venderli a Riposto, dove compare Cinghialenta aveva detto che c'era un bastimento di Trieste a pigliar carico. Veramente i lupini erano un po' avariati; ma non ce n'erano altri a Trezza”.

Inoltre c’è anche un discorso velatamente sessuale in mezzo: “bisognava pensare ancora che la Mena entrava nei diciassett'anni, e cominciava a far voltare i giovanotti quando andava a messa. ‘L'uomo è il fuoco, e la donna è la stoppa: viene il diavolo e soffia”. Come la protagonista Narcisa Valderi in Una peccatrice.

I Malavoglia hanno agito per un motivo valido, per garantire la sopravvivenza quotidiana, il pane e il cibo, dopo la partenza del giovane ‘Ntoni. Ma è da quell’imprudenza che tutto è nato, dai lupini avariati: la morte del figlio Bastianazzo, il debito accumulato con i lupini, la morte del Luca nella battaglia di Lissa (1866), la perdita dell'amata “casa del nespolo” e dell’onore. La superficialità non ammette ignoranza. E la rettitudine che anche in tempo di crisi deve essere conservata, stavolta ha causato ciò che è giusto avvenga: la disperazione. L’errore più grave sarebbe considerare vittima la famiglia. In realtà è colpevole, di superficialità. E ogni successiva consecuzione della trama, in realtà è una fuga dalle proprie responsabilità. Così come la perdita del senso della ragione. E dall’errore iniziale commesso. Veramente i lupini erano un po' avariati”.

Casetti, sulle trasposizioni cinematografiche di Verga, cita il critico Guido Aristarco: “A proposito de La terra trema, egli nota come Visconti porti a “farsi stile” il neorealismo, esattamente come Verga aveva fatto per il naturalismo: in entrambi gli autori la verità non coincide più con il rispecchiamento esteriore delle cose, ma ‘si identifica  con la creazione poetica” (Francesco Casetti, Teorie del cinema, 1945-1990, Bompiani, 2002, p. 29). Dalla realtà Verga ha tratto un messaggio superiore.

Ne I Malavoglia, alla fine solo compare Alessi con la fatica riesce ad estinguere il debito e riacquistare la “casa del nespolo”. Invece in Una peccatrice il protagonista non ristabilisce l’ordine, ma dopo la morte dell’amata finisce le sue giornate “rimando qualche sterile verso per gli onomastici dei suoi parenti, e dissipando il più allegramente possibile lo scarso suo patrimonio”. Un finale meno glorioso di quello de I Malavoglia, forse perché composto 16 anni prima. Inferiore addirittura a quello dei semplici Malavoglia, dove si torna alla quotidianità che non ci fa desiderare altro che un nespolo.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Libri correlati
I Malavoglia, Una peccatrice

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Van Helsing dal romanzo di Bram Stoker alla serie Tv fino ai comics

Bram Stoker nel romanzo Dracula aveva creato un personaggio erudita dal marcato accento teutonico capace, mediante la sua conoscenza scientifica, di combattere il vampirismo comparso nell’Inghilterra del diciannovesimo secolo e sconfiggere il più temibile dei mostri, Dracula. Personaggio che è stato ripreso fedelmente in alcuni ...

 

Sky Doll, il primo volume in libreria: dal successo del fumetto alle ristampe

Esce oggi il primo volume di “Sky Doll” riproposto da Bao Publishing nel suo formato originale. Mentre il quarto albo (leggi la nostra recensione qui) è gia in tutte le librerie, “Sky Doll vol.2 - Aqua” e “Sky Doll vol.3 - La città Bianca” saranno rispettivamente disponibili dal 16 marzo e dal ...

 

Wolverine Vecchio Logan il comics che ha ispirato il film con Hugh Jackman

Logan - The Wolverine uscirà nelle sale cinematografiche italiane a partire dal prossimo primo marzo. Ancora una volta Hugh Jackman vestirà i panni di Wolverine, l’uomo dagli artigli in lega di metallo. Per l’occasione Panini Comics renderà nuovamente disponibile l’appassionante comics scritto da Mark Millar e...

 

Valter Buio, lo psicanalista dei fantasmi in una nuova edizione da riscoprire

Star Comics annuncia la nuova edizione del primo volume della serie di “Valter Buio”. Cover in cartonato, il fumetto sarà disponibile solo nelle fumetterie, dal primo marzo.Originariamente uscito tra il 2010 e il 2011, l'opera di Alessandro Bilotta ha raccolto i consensi di critica e lettori aggiudicandosi il Romics d'Oro grazie ...

 

Batman Arkam VR, recensione speciale PS VR: il Cavaliere Oscuro in prima persona

Batman Arkham VR è il videogioco sviluppato da Rocksteady Studios, pensato per esser giocato esclusivamente con PlayStation VR, il visore di realtà virtuale di Sony per PS4. La serie, che ha rappresentato un grande successo in ambito videoludico, si prende una licenza con questa sorta di spin-off investigativo, che esula quindi dal cl...

 

Flight of the Raven, comics vincitore del Best Artist Award di Angoulême 2017

Flight of the Raven, Il Volo del corvo è una graphic novel d’avventura e di azione scritta daJean-Pierre Gibrat che ha conquistato il premio come migliore artista alla scorsa edizione del festival di Angoulême. La trama di Flight of the Raven è ambientata a Parigi e ripercorre il periodo dell’occupazione tedesca, du...

 

Ghost in the Shell, il remake hollywoodiano del manga con Scarlett Johansson

“Ghost in the Shell” è il manga cult, realizzato da Masamune Shirow alla fine degli Ottanta, diventato, infine, un franchise comprendente anche videogiochi e romanzi.Ambientato nel XXI secolo, il manga seinen (rivolto a un pubblico adulto) immagina un futuro pieno di incognite, in cui la differenza tra uomo e macchina è in...

 

Wonder Woman: l'intramontabile supereroina tra uscite DC Comics e l'atteso cinecomic

Wonder Woman rimane la supereroina più amata di DC Comics, icona di emancipazione femminile capace di attraversare indenne i decenni dal debutto in “All Star Comics #8” in 1941. Paladina indiscussa della giustizia, ha spento le settancinque candeline l'anno scorso accompagnata da molteplici iniziative per renderle omaggio. Molti...

 

Recensione L'Homme qui tua Lucky Luke una magnifica graphic novel di Mattihieu Bonhomme

“L’Homme qui tua Lucky Luke” è una graphic novel creata dal grande scrittore e disegnatore Mattihieu Bonhomme. Con questa sua opera, uscita in Francia il primo aprile scorso, lo scrittore ha voluto omaggiare lo storico creatore di Lucky Luke, Morris. Inoltre Mattihieu Bonhomme con questa graphic novel ha vinto il premio Sai...

 

Recensione Civil War II una nuova guerra si trova alle porte nell'universo Marvel Comics

Civil War II è iniziato il nuovo grande evento della Marvel Comics, per ora in Italia sono stati pubblicati dalla Panini Comics solo i primi tre numeri di questo grandissimo evento ma le premesse sono veramente fantastiche. Questa nuova Civil War vede contrapposti due grandi personaggi, da una parte come sempre c’è Iron Man e da...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni