X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Stendhal, la trama del contrasto ne Il rosso e il nero

01/01/2012 08:03
Stendhal la trama del contrasto ne Il rosso il nero

'Promenades dans Rome' svela un'ammrazione di Stendhal per la cittŕ eterna, mista a delusione

È da poco uscito in Francia Promenades dans Rome (Passeggiate a Roma, Diane de Selliers Editeur, 480 pp., 60 Euro), secondo volume dell’opera di Stendhal, anticipato un anno fa da Rome, Naples et Florence (Roma, Napoli e Firenze). Qui l’autore ripercorre nel suo viaggio del 1817 le sensazioni che la città gli restituiva: “Ho appena trascorso 50 giorni per ammirare e indignarmi. Che esperienza la Roma antica (…) se la sua cattiva stella non avesse voluto che quella attuale fosse costruita su quella antica. Il Colosseo, il Pantheon (…) Abbiamo finito per vagare quasi a caso. Abbiamo assaggiato la gioia di essere a Roma liberamente, e senza pensare al dovere di vedere”. Il suo disappunto è quello della città moderna che surclassa quella antica: ma nel volume si dipanano 170 opere di artisti contemporanei di Stendhal, da Corot ad Ingres che dipinsero scorci romani  e che così creano meno rancore per questo distacco.

Lo stesso Il rosso e il nero (disponibile anche in ebook) opera di Stendhal (vero nome, Henri Beyle) è l’emblema del senso del contrasto, vivo più che mai nei romantici e in lui capace di grande comunicazione. Julien Sorel – protagonista del romanzo – è in contrasto tra amore e politica, tra sentimenti opposti che mal si uniscono. “È l’unica commedia alla quale posso essere sensibile. – dice il protagonista - Sì, coprire di ridicolo questo essere odioso che si chiama Io, mi divertirà. Se dessi retta e me stesso, commetterei qualche delitto, pur di distrarmi”.

Julien Sorel da umili origini – figlio del proprietario di una segheria - si erge e difensore del fine che giustifica  mezzi, s’innamora di due donne – la signora Madame de Rênal e la giovane Mathilde de la Mole -, mette incinta quest’ultima, viene accusato di essere un cacciatore di dote, è condannato alla ghigliottina e, quando muore la sua testa è baciata da Mathilde, mentre la traditrice Madame de Rênal perisce dopo tre giorni. Sorel è l’emblema della vista dello stesso Stendhal, che da viaggiatore di Roma avverte la discrepanza tra attualità e senso dell’eroismo, tra ciò che in potenza l’uomo può realizzare e ciò che le necessità – crisi economiche permettendo – impongono.

“Lasciatemi alla mia vita ideale. Le vostre piccole inquietudini, i vostri particolari della vita reale, più o meno urtanti per me, mi strapperebbero dal cielo. Si muore come si può: io non voglio pensare alla morte che a modo mio. Che cosa m’importa degli altri, i miei rapporti con gli altri stanno per essere troncati bruscamente. Per favore, non parlatemi più di questa gente: è già abbastanza dover vedere il giudice  del’avvocato” dice il protagonista nel XL capitolo. Stendhal è consapevole di tale elemento straniante che lo porta a nascondere il buon senso per giungere ad un obbiettivo, e spesso se ne pente, come il suo protagonista quando apprende che Mathilde è incinta: “Questa notizia stupì profondamente Julien. Per poco egli non dimenticò tutti i principi della sua condotta: ‘Come posso essere volontariamente freddo ed offensivo con questa povera creatura che si rovina per me’. Se Mathilde appariva un po’ sofferente, anche nei giorni in cui la saggezza faceva udire la sua terribile voce, Julien non aveva più il coraggio di rivolgerle una di quelle parole crudeli così indispensabili, in base alla sua stessa esperienza, per la durata del loro amore” (cap. XXXIII).

Tutta questa bassezza dei sentimenti, giustificati poi però da chi li prova è anche il motivo dell’attualità del romanzo: non a caso un personaggio simile a Julien Sorel, Fabrice del Dongo protagonista de La Charteuse de Parme sarà portato in televisione nel 2012 in una fiction interpretata da Alessandra Mastronardi e Rodrigo Guirao Diaz e diretta da Cinzia TH Torrini. Lo stesso Il rosso e il nero è stato portato in tv nel 1997, interpretato da Kim Rossi Stuart e diretto da Jean-Daniel Verhaeghe

La vita di Stendhal è forse l’emblema migliore di come la sua quotidianità non possa essere esposta meglio che in romanzo: ossia come per scrivere bene occorre vivere bene, immergersi in situazioni che poi non trovano sfogo che nel fatto di comunicarle. A Vienna Stendhal si trovò un'amante, Babet Rothe che poi si disinteressò di lui; a Milano s’innamorò non ricambiato di Metilde Viscontini Dembowski, che gl’ispirò il de l’Amour, secondo cui il vero amore è inappagato e quindi esige contemplazione senza eros. Nel 1830 Stendhal ricevette la dichiarazione d'amore della senese Giulia Rinieri de' Rocchi, lei era pronta a sposarlo, lui chiese al tutore la mano ma ottenne un rifiuto, facendo sì che restasse sua amante per tutta la vita, nonostante lei si fosse sposata.

Lo stesso spaesamento di fronte alla realtà si ha con la cosiddetta Sindrome di Stendhal: la natura umana, vista raffigurata in un quadro ci procura una tale estasi da indurci ad uno svenimento. È quindi la rappresentazione dell’oggetto stesso – non l’oggetto – a  creare scompiglio, ossia il fatto che sia più perfetta della realtà rappresentata. “Ero giunto a quel livello di emozione dove si incontrano le sensazioni celesti date dalle arti ed i sentimenti appassionati – dice Stendhal - Uscendo da Santa Croce, ebbi un battito del cuore, la vita per me si era inaridita, camminavo temendo di cadere”.  La stessa psicologia di Julien Sorel è così pervasa di immaginazione - che si rispecchia nella sua vita - da permettere simile identificazione: è sempre meglio innamorarsi di una finzione che non innamorarsi per nulla, sembra dire. In Stendhal “è Roma a campeggiare, col suo patriziato violento e voluttuoso, con la sua gente generosa ma avida di godimento, le sue terribili corti di giustizia, i suoi intrighi, nel succedersi di papi e di governi” (Massimo Colesanti, Stendhal. Le regole del gioco, Garzanti, 1983, p. 245)

Così il volume Promenades dans Rome ci induce a credere di più in Stendhal sognatore, grande cantore della fugacità della felicità che solo attraverso l’ambizione possiamo misurare.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Libri correlati
Il rosso e il nero

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Dirk Gently, Agenzia di investigazione olistica dai fumetti alla seconda stagione Tv

Dirk Gently, Agenzia di investigazione olistica è la serie televisiva creata da Max Landis che esplora casi apparentemente inspiegabili che coinvolgono aspetti ed elementi soprannaturali. Due giovani che non hanno nulla in comune si ritrovano casualmente coinvolti in qualcosa di trascendentale ed interconnesso alla realtà e tra la ril...

 

IDW Publishing, Darkness Visible: il fumetto horror in cui umani e demoni convivono nel terrore reciproco

“Darkness Visible #2” esce il secondo numero della miniserie horror pubblicata da IDW Publishing. Il fumetto che ha debuttato a febbraio, conta sulla sceneggiatura di Mike Carey e Arvind Ethan David. I disegni sono a cura di Brendan Cahill, i colori di Joana Lafuente. "Darkness Visible" presenta uno scenario horror di natura fanta...

 

Una nuova graphic novel, Comment aborder les filles en soirées

L’Editore francese Urban Comics pubblica un albo dalle narrazioni intimiste che elabora uno dei quesiti più comuni del genere umano, come abbordare le ragazze alla sera. Viene mostrato uno spaccato della vita serale di giovani ragazzi e ragazze che amano conoscersi e flirtare con il relativo timore del rifiuto o della presunta inadegua...

 

Panini Comics, Star Wars 1 - Luke colpisce in ristampa: spazio e fantascienza nel fumetto bestseller

Panini Comics ristampa “Star Wars 1 - Luke colpisce” sotto l'etichetta di Star Wars Collection. L'edizione cartonata raccoglie i primi sei numeri della serie comics scritta da Jason Aaron e disegnata da John Cassaday. Dal debutto nel gennaio del 2015, il fumetto è diventato un bestseller con milioni di copie andate a ruba negli S...

 

I videogiochi ambientati su Marte: l'unione tra Pianeta Rosso e virtuale

Marte e i videogiochi, un connubio che negli ultimi anni ha partorito titoli e visioni interessanti, tra fantascienza distopica e segrete basi scientifiche, per produzioni che hanno sviscerato anime e pericoli del Pianeta Rosso. L’interesse decennale suscitato da Marte si è alimentato grazie a racconti e opere letterarie, che hanno sca...

 

Da Aliens: Defiance a Life - Non superare il limite: quando lo spazio si presta all'horror

"Aliens: Defiance”, la fortunata serie mensile targata Dark Horse, giunge al decimo numero dopo il debutto nell'aprile del 2016. La trama, temporalmente collocata tra il primo (1979) e il secondo film (1986) - rispettivamente diretti da Ridley Scott e James Cameron - ha come protagonista Zula Hendricks, colonial marine assegnata alla squadra...

 

Marvel Comics Deadpool 2, il sequel si arricchisce di un nuovo personaggio a fumetti

Deadpool 2, sequel dell’esordio cinematografico del personaggio Marvel Comics che ha ottenuto un ottimo successo al botteghino statunitense, si sta componendo di maggiori dettagli che andranno a formare la nuova narrazione. Protagonista nei panni del particolare eroe dei fumetti, creato negli anni novanta da Rob Liefeld e Fabian Nicieza, sar&...

 

The Unsound per BOOM! Studios, il nuovo fumetto horror di Cullen Bunn

BOOM! Studios annuncia l'uscita di una nuova serie originale che debutterà a giugno. Si tratta di “The Unsound” scritta dallo specialista del brivido Cullen Bunn (“Deadpool”, “The Sixth Gun”, “Uncanny X-Men”, “Helheim”, “Monsters Unleashed“) e disegnata da Jack T. Cole. ...

 

Recensione Canituccia, una storia di Matilde Serao pubblicata da Orecchio Acerbo

Canituccia è una piccola storia che viene pubblicata dalla casa editrice Orecchio Acerbo. Il racconto è stato scritto da una grande donna Matilde Serao, scrittrice e giornalista vissuta tra la fine del 1800 e gli inizi del ‘900. Canituccia è tratto dal libro “Piccole Anime” pubblicato nel 1883. La trama di qu...

 

Recensione La Leggenda delle Nubi Scarlatte, la magica graphic novel di Saverio Tenuta

La Leggenda delle Nubi Scarlatte è la graphic novel scritta, disegnata e colorata dal grande artista internazionale Saverio Tenuta. In questo mese di marzo la casa editrice Magic Press ha deciso di pubblicare la versione integrale della storia, un’opera bellissima che si compone di 208 pagine. In questa graphic novel troviamo magia, am...

 
Da non perdere

Ultime news
Recensioni